Oltre 90mila fratture del femore ogni anno in Italia: nasce un progetto educazionale

Redazione DottNet | 18/05/2011 14:49

In Italia, ogni anno, si registrano 94.000 ricoveri per fratture di femore nella sola popolazione over 65 anni e, in 8 casi su 10 (78%), si tratta di donne. Un numero cosìelevato di fratture di femore, per effetto dell'invecchiamento della popolazione, èdestinato, tra l'altro, ad aumentare ulteriormente nei prossimi anni. Con importanti conseguenze sulla qualitàdi vita, oltre che sul bilancio del Servizio Sanitario Nazionale, perché nella quasi totalità, queste donne vengono ricoverate in ospedale e operate. Tanto che si calcola che i costi sociali correlati, diretti e indiretti, per le fratture di femore superino il miliardo di euro all'anno.

Da queste premesse nasce il progetto educazionale integrato 'Stop alle fratture', un'iniziativa firmata dalle 5 SocietàScientifiche alle quali afferiscono tutti gli specialisti di riferimento nell'ambito delle malattie metaboliche dell'osso: Siommms (SocietàItaliana dell'Osteoporosi, del Metabolismo Minerale e delle Malattie dello Scheletro), Siot (SocietàItaliana di Ortopediae Traumatologia), SIR (SocietàItaliana di Reumatologia), Ortomed (SocietàItaliana di Ortopedia e Medicina) e Gisoos (Gruppo Italiano di Studio in Ortopedia dell'Osteoporosi Severa). Obiettivo del progetto èquello di sensibilizzare le pazienti in target, donne dai 65 anni d'etàin poi con una frattura di femore pregressa, sui rischi legati ad una possibile ri-frattura, offrendo loro, gratuitamente, la possibilitàdi parlarne con uno specialista.

I Correlati

I Correlati

Widget: 91798 (categoria) non supportato