Infezioni ospedaliere, nasce la rete europea per la sorveglianza

Redazione DottNet | 26/05/2011 20:14

infettivologia ospedale sanità-pubblica

In Europa ogni anno si verificano circa 4 milioni di casi e 37 mila decessi a causa di infezioni contratte in ospedale, il 20-30% delle quali sarebbero prevenibili con l'adozione di corretti comportamenti professionali e specifici programmi di intervento. Per questo il Centro europeo per il controllo delle malattie (Ecdc) ha deciso di promuovere, in occasione della Giornata mondiale dell'igiene delle mani, un network europeo di sorveglianza sulle infezioni ospedaliere (Hai-Net). Le infezioni piu' frequenti sono quelle del tratto urinario, seguite da quelle respiratorie, post-chirurgiche, della circolazione sanguigna, e altre, tra cui la diarrea da Clostridium difficile.

 Lo staficolocco aureo multiresistente (mrsa) e' isolato in circa il 5% di tutti i casi di infezioni ospedaliere. Come spiega il centro nazionale di epidemiologia e sorveglianza dell'Istituto superiore di sanità, questa rete europea di sorveglianza saràcoordinata dallo stesso Ecdc, che sta anche sviluppando un database interattivo on line, per la consultazione dei report dell'European Surveillance System (Tessy) sui casi di infezioni correlate all'assistenza in Europa e sulla loro diffusione. Hai-net daràanche supporto agli stati membri per adempiere alle raccomandazioni emesse nel 2009 sulla sicurezza dei pazienti.