Anaao, la manovra penalizza i medici dipendenti fino al 2014

Redazione DottNet | 15/06/2011 11:38

"La manovra economica allo studio del Governo, stando alle anticipazioni riportate dalla stampa e alle dichiarazioni dei ministri interessati, penalizzerebbe fino all'accanimento i medici e i sanitari dipendenti del SSN prevedendo un ulteriore blocco dei contratti per il biennio 2013-2014". Lo sostiene l'Anaao Assomed che nella sua analisi va anche oltre. "Mettendo insieme le penalizzazioni a carico della categoria e cioe' blocco contrattuale, congelamento degli stipendi, prelievo forzoso, scippo dell'esclusivita' di rapporto e della RIA (retribuzione individuale di anzianita'), si puo' ipotizzare una perdita secca del potere d'acquisto dei medici e sanitari dipendenti del SSN tra il 15 e il 20% entro il 2014" .

 Per il segretario nazionale dell'associazione Costantino Troise, "se c'e' l'esigenza di rimettere in ordine i conti pubblici non possono essere sempre i soliti noti, e con molteplici modalita', a pagare. Ancora una volta il pubblico impiego viene additato come causa del dissesto dei conti e poi usato come un bancomat dello Stato. Ma nessuna manovra correttiva - conclude Troise -puo' essere considerata equa se salvaguarda rendite finanziarie, evasione fiscale e privilegi per penalizzare il lavoro, tantomeno quello dei medici e sanitari del SSN chiamati a tutelare, in condizioni sempre piu' gravose e rischiose, un bene costituzionalmente garantito quale il diritto alla salute dei cittadini".

I Correlati

I Correlati

Widget: 91798 (categoria) non supportato