Ventiquattro cardiologi indagati per truffa: pilotavano i concorsi universitari

Silvio Campione | 04/07/2011 20:59

C'e' anche la truffa tra i reati contestati ai 24 cardiologi, tra cui il professor Paolo Rizzon, accusati di aver costituito una 'cupola' per pilotare concorsi universitari in tutta Italia. Nell'udienza preliminare, a 9 anni dall'avvio delle indagini e ad uno dalla richiesta di rinvio a giudizio, i fatti, ormai vicini alla prescrizione, tornano attuali. Una nuova denuncia, infatti, depositata oggi in aula, si riferisce ad uno dei presunti concorsi truccati. In particolare quello per un posto da associato di cardiologia a Firenze.
 

Dopo anni il concorso e' stato espletato e, a vincerlo, stando alla denuncia, sarebbe stata proprio la persona inizialmente designata dagli imputati. Per questo una concorrente alla stessa selezione ha presentato nuova denuncia.
Fino ad oggi, infatti, non essendo state concluse le procedure concorsuali, la truffa era solo tentata. I fatti contestati risalgono agli anni tra il 2002 e il 2004, quando le indagini portarono all'arresto di cinque docenti universitari: le ordinanze di custodia cautelare furono notificate al barese Paolo Rizzon, al bresciano Livio Dei Cas, al pisano Mario Mariani, considerato dagli inquirenti il vertice della presunta associazione a delinquere, al milanese Maurizio Guazzi e al fiorentino Luigi Padeletti.

I Correlati

I Correlati

Widget: 91798 (categoria) non supportato