Inquinamento da farmaci, molte le implicazioni sanitarie

Redazione DottNet | 25/07/2011 16:01

Le implicazioni sanitarie dell'inquinamento pesano sempre piu' sulla nostra coscienza pubblica, ed i rifiuti farmaceutici continuano ad essere tra i principali responsabili dell'inquinamento prodotto dalle attivita' umane. Uno studio dei ricercatori dell'Universita' di Tel Aviv indica ora che gli attuali test per l'individuazione di questi pericolosi contaminanti non sono cosi' efficienti come potrebbe sembrare. Dror Avisar, capo dell'Hydro-Chemistry laboratory del dipartimento di Geografia ed ambiente umano della Tau (Tel Aviv University) spiega infatti che "quando l'ambiente non risulta positivo all'inquinamento legato ad uno specifico medicinale, pensiamo che non vi sia contaminazione, ma attraverso processi biologici o chimici come l'esposizione alla luce solare o l'ossidazione, i farmaci si degradano in diverse forme, con le molecole che si rompono, e quindi possono restare in agguato nell'acqua e nel suolo in diverse forme".

 Nei suoi laboratori Avisar sta svolgendo test intensivi per individuare come i farmaci degradano ed identificare le varie forme che posso assumere nell'ambiente. "Possiamo avere diversi prodotti di degradazione con anche alti livelli di bioattivita'- spiega- gli scienziati ambientali hanno bisogno non solo di identificarli, ma devono anche comprendere i processi biochimici che li producono nell'ambiente". Infatti, degradandosi "i composti formano molecole del tutto diverse". Ad esempio, il ricercatore della Tau ha individuato nove prodotti della degradazione dell'amoxocillina (antibiotico appartenente al gruppo delle penicilline semisintetiche, usato per infezioni batteriche come nei casi di mal di gola), ognuno con diversi livelli di stabilita'. "Due di questi prodotti della degradazione dell'amoxocillina possono anche essere tossici", segnala Avisar.

I Correlati

I Correlati

Widget: 91798 (categoria) non supportato