Lega, proibire l’amalgama odontoiatrico a base di mercurio

Redazione DottNet | 26/07/2011 20:07

L'Italia metta al bando l'uso dell'amalgama odontoiatrico a base di mercurio''. Lo chiede in una mozione il parlamentare trentino della Lega Nord, Sergio Divina. ''Questo materiale per otturazioni dentali - sottolinea Divina - è composto da una miscela di metalli tenuta insieme da mercurio, che ne costituisce circa il 50%. Nonostante il mercurio sia notoriamente la sostanza più inquinante e pericolosa per la salute dopo i composti radioattivi, viene ancora usato in odontoiatria, comportando gravi rischi per i portatori di queste otturazioni, per il personale sanitario che lo usa e per l'ambiente stesso''.

 ''Secondo dati scientifici - prosegue il parlamentare leghista - l'amalgama e' associata a patologie neurologiche, renali, metaboliche, autoimmunitarie e cronico-degenerative tra cui la sclerosi multipla, l'alzheimer, l'autismo, trasmesso da madre (portatrice di amalgama) a figlio e molte altre. Secondo l'Oms alcuni studi dimostrano che non esistono limiti di sicurezza sotto ai quali non vi siano effetti negativi del mercurio''. L'on. Divina chiede infine che l'Italia promuova ai negoziati dell'Unep l'inserimento del mercurio odontoiatrico nella lista ''Annex C'', come già proposto dai Paesi scandinavi e dagli Stati Uniti.

I Correlati

I Correlati

Widget: 91798 (categoria) non supportato