Identificato un nuovo ceppo della salmonella resistente alla ciprofloxacina

Redazione DottNet | 03/08/2011 17:32

Gli scienziati hanno identificato un nuovo ceppo della salmonella che è risultato altamente resistente all'antibiotico ciprofloxacina, spesso utilizzato proprio per la cura di infezioni serie da salmonella. I ricercatori temono che tale ceppo possa diffondersi nel mondo. In ragione della pericolosità del nuovo ceppo, gli scienziati invitano le autorità internazionali ad una forte sorveglianza e monitoraggio al fine di limitarne la diffusione, avvertendo che il pollame sembrerebbe essere il maggiore veicolo di diffusione del 'super-virus'.

 Il nuovo ceppo, noto come S. Kentucky, si e' diffuso internazionalmente con circa 500 casi rilevati in Francia, Danimarca e Inghilterra tra il 2002 e il 2008, secondo uno studio pubblicato sulla rivista Journal of Infectious Deseases. Il nuovo ceppo avrebbe anche raggiunto gli Stati Uniti, dove un altro ceppo sempre resistente agli antibiotici (noto come S. Heidelberg) ha finora fatto una vittima e colpito 77 persone. Le infezioni da salmonella rappresentano un problema di salute pubblica in tutto il mondo, con 1,7 mln di infezioni l'anno in Nord America, mentre oltre 1,6 mln di casi sono stati segnalati in 27 paesi europei tra il 1999 e il 2008. Secondo i ricercatori, il nuovo ceppo potrebbe essere stato introdotto in Europa anche attraverso cibi contaminati importati: ''Il pollame - affermano gli esperti - rappresenta un importante agente per tale infezione''.

I Correlati

I Correlati

Widget: 91798 (categoria) non supportato