Tumore della prostata, positiva la sperimentazione di una nuova molecola

Redazione DottNet | 03/08/2011 18:52

aziende-farmaceutiche oncologia Teva-Pharmaceuticals tumore-prostata crpc custirsen

Alcuni studi presentati al congresso dell'American Society of Clinical Oncology hanno mostrato l'incidenza positiva della molecola sperimentale custirsen nella cura del tumore della prostata metastatico resistente alla castrazione (Crpc). Custirsen è un principio attivo in fase di sviluppo che dovrebbe agire inibendo la produzione di clusterina, una proteina prodotta in eccesso nelle cellule cancerose e potenziale causa di farmacoresistenza: i risultati degli studi hanno evidenziato che in associazione con l'agente chemioterapico docetaxel produrebbe un miglioramento nelle possibilità di sopravvivenza e nel controllo del dolore.

"Nonostante i progressi compiuti nel trattamento del tumore della prostata, sconfiggere la resistenza al trattamento rimane un grande bisogno insoddisfatto", ha detto il professor Yitzhak Peterburg, Vice Presidente dell'Area Global Branded Products dell'azienda farmaceutica Teva, che sta svolgendo delle sperimentazioni sul custirsen. "Siamo incoraggiati dai nuovi risultati di custirsen che speriamo di confermare ulteriormente nel nostro programma di fase III in corso" conclude Peterburg.