Presto in farmacia il vaccino per smettere di fumare

Farmacia | Redazione DottNet | 12/09/2011 17:18

Un vaccino per smettere di fumare potrebbe presto arrivare sugli scaffali delle farmacie: e' in via di completamento (i risultati sono attesi per la fine del mese) l'ultima fase di sperimentazione su pazienti del vaccino ''NicVAX'', prodotto dalla NABI Biopharmaceuticals. Se i risultati di questa sperimentazione di fase III (1000 fumatori coinvolti ) si rivelassero positivi la Food and Drug Administration, potrebbe girare il pollice in su ed approvare la vendita del vaccino. NicVAX, secondo quanto riporta Scientific American, funziona in modo molto speciale: insegna all'organismo del fumatore ad attaccare la nicotina che entra in circolo attraverso il fumo.

 La nicotina viene sequestrata dagli anticorpi prodotti dal fumatore vaccinato e non puo' piu' andare a nuocere nel cervello, la' dove si instaura la dipendenza. La nicotina e' una molecola piccola e insidiosa, troppo piccola infatti per essere bloccata dalla ''griglia'' di sicurezza che protegge il cervello, la cosiddetta barriera ematoencefalica. Passando attraverso questa griglia la nicotina va nel cervello e instaura la dipendenza.  Sempre per le sue ridotte dimensioni la nicotina sfugge al sistema immunitario del fumatore, agendo indisturbata. Il vaccino NicVAX consiste di una molecola 'pinza' che tiene strette molecole di nicotina per presentarle alle difese del corpo. Queste vedendo l'agglomerato pinza-nicotina si risvegliano e producono anticorpi specifici anti-nicotina e il gioco e' fatto. Infatti quando un fumatore vaccinato accende l'ennesima bionda, la nicotina viene subito sequestrata dagli anticorpi e non puo' piu' raggiungere il cervello. Dopo sei dosi di vaccino ai fumatori viene detto di smettere di fumare. A quel punto, poiche' la nicotina non raggiunge piu' il cervello, liberarsi dalla dipendenza e' semplice.

I Correlati

I Correlati

Widget: 91798 (categoria) non supportato