Aumenta in Italia il numero di persone sopravvissute a trapianto di fegato

GianMaria Di Nardo | 15/09/2011 11:36

In Italia, il numero di persone che sopravvivono ad un trapianto di fegato e' più alta del previsto. A Glasgow, in occasione del Congresso Europeo sul trapianto di organi, sono stati presentati i risultati di uno studio italiano che ha dimostrato l’elevato tasso di sopravvivenza a questa patologia, a distanza di dieci e vent’anni dall’avvenuto trapianto.

Infatti, lo studio che ha previsto l’analisi di 2.846 trapianti di fegato effettuati in 12 centri specializzati in trapianti in tutta Italia nel periodo 1983-1999, ha riportato una sopravvivenza del 76 per cento a un anno dal trapianto, del 61 a dieci anni e del 51 per cento venti anni dopo, un periodo lunghissimo per un trapianto e tutte le complicanze che può portare. Inoltre, sorprendentemente, queste statistiche non calano con l'aumentare dell'età del paziente, anzi: i 194 pazienti over 60 analizzati nello studio hanno fatto rilevare sopravvivenze persino superiori: il 63 per cento dopo dieci anni e il 52 per cento dopo venti.