Fazio, troppi tagli alle Regioni impediscono l’accesso ai farmaci innovativi

Farmaci | Redazione DottNet | 29/10/2011 18:17

Le Regioni sono spesso in difficolta' nell'assicurare i farmaci innovativi a causa dei tagli imposti dalle manovre. Lo ha sottolineato il ministro della Salute, Ferruccio Fazio, durante un intervento alla conferenza per i 25 anni di Assobiotec a Roma.''Abbiamo un accordo Stato-Regioni in base al quale queste ultime dovrebbero rendere disponibile un farmaco appena e' approvata dall'Aifa - ha affermato Fazio - questo non avviene anche per motivi di ristrettezze, le Regioni sono state messe in ginocchio dalle manovre, e dicono che non ci sono soldi.

Dovremo vedere di affrontare questo problema, perche' c'e' un accordo da rispettare''.Secondo Fazio, bisogna comunque intervenire sull'esplosione della spesa per i farmaci innovativi: ''abbiamo avviato discussioni informali - ha detto ancora il ministro - e stiamo valutando un sistema di compartecipazione a rischio da parte delle imprese con meccanismi da rendere operativi e parte del sistema''. Il ministro ha anche parlato del problema dei farmaci biosimilari: ''sappiamo che sono differenti dai generici - ha spiegato Fazio - e ho ricevuto garanzie da parte del nuovo direttore dell'Aifa che ci sara' attenzione al fatto che non e' solo il prodotto finito a dover essere valutato ma tutto il processo produttivo''.

I Correlati

I Correlati

Widget: 91798 (categoria) non supportato