Influenza, il virus sarà lo stesso dello scorso anno. Via alle vaccinazioni

Redazione DottNet | 09/11/2011 19:05

Il virus influenzale del 2011 sara' ancora l'A/H1N1, e la vaccinazione precoce e' l'unico strumento di prevenzione. E' quanto emerge dal 'XL Congresso Nazionale dell'Amcli, l'Associazione Microbiologi Clinici Italiani', in corso a Rimini. Secondo gli esperti, il ceppo influenzale, leggermente diverso rispetto all'anno scorso, arrivera' in Italia intorno a meta' dicembre, per avere il suo momento clou a gennaio.''I virus influenzali non sono ancora arrivati in Italia a causa delle condizioni meteorologiche e le infezioni respiratorie attuali sono dovute in realta' ad altri virus - spiega in una nota Maria Paola Landini, responsabile rapporti con la stampa Amcli e direttore dell'Unita' operativa di Microbiologia del Policlinico Sant'Orsola di Bologna -. Ma nelle condizioni attuali l'influenza arrivera' dirompente sotto le feste e, anche quest'anno, con l'A/H1N1 come ceppo prevalente.Il nostro invito e' quindi alla vaccinazione, specialmente per le fasce deboli della popolazione e per i soggetti che lavorano in settori esposti al maggior contatto con le persone''.

In relazione all'influenza di quest'anno sono state isolate delle varianti del virus A/H1N1 (2009) con possibile maggior virulenza. Da Rimini - dove sono riuniti circa 1000 microbiologi, oltre 100 relatori nazionali e internazionali di diverse discipline e 25 aziende del settore - gli esperti lanciano anche un appello contro le cosiddette terapie 'fai-da-te'.''La corretta diagnosi di influenza e la definizione di un ceppo specifico si esegue in laboratorio di Microbiologia - sottolinea Pierangelo Clerici, segretario nazionale Amcli e direttore dell'Unita' operativa di Microbiologia dell'Ospedale Civile di Legnano - e solo la collaborazione con i medici consente di attivare il percorso di cura. La terapia auto-prescritta - conclude - nel migliore dei casi non e' efficace''.

I Correlati

I Correlati

Widget: 91798 (categoria) non supportato