Le aziende farmaceutiche colpite dai tagli alle spese

Aziende | Redazione DottNet | 10/11/2011 16:26

Sotto la scure della crisi che si sta abbattendo feroce sull'Europa rischiano di rimanere colpite anche le case farmaceutiche e, di rimando, i malati. Infatti le aziende del farmaco avvertono che, a causa dei tagli che le loro entrate hanno subito, rischiano di rallentare i motori della ricerca e sviluppo dei nuovi farmaci perche' hanno meno entrate e quindi meno soldi da investire in progetti potenzialmente rischiosi. Un dato già evidenziato dal rapporto Prometeia.

Il problema, dichiara alla rivista Nature Richard Bergström, direttore generale della Federazione Europea delle Aziende e delle Associazioni farmaceutiche (EFPIA), e' che molti dei paesi europei in crisi, soprattutto quelli del Mediterraneo, hanno preso a bersaglio le spese sanitarie (e quindi anche farmaceutiche) per operare dei tagli; e gli stati devono al comparto delle aziende farmaceutiche qualcosa come 10 miliardi di euro per i farmaci forniti a ospedali e autorita' sanitarie. A rimetterci saranno poi i cittadini, non solo perche' le aziende avvertono che saranno costrette a ridurre gli investimenti in ricerca e sviluppo di nuovi farmaci, ma anche perche' volgeranno lo sguardo verso mercati piu' prosperi dove possono vendere i loro nuovi prodotti a un prezzo piu' alto, prima di indirizzarsi a paesi come Grecia e Spagna dove per la crisi sono stati operati severi tagli e rigidi controlli alla spesa farmaceutica. In Spagna, per esempio, l'industria farmaceutica e' stata colpita da tre leggi in 18 mesi pensate per ridurre le spese dello Stato per i farmaci, sostiene Bertil Lindmark dell'azienda Almirall con sede a Barcellona. Queste leggi hanno reso obbligatorio per i medici prescrivere i farmaci generici (cioe' i 'non griffati' che costano meno) ed hanno forzato a far scendere i prezzi dei farmaci. Le aziende avvertono che con la riduzione delle entrate saranno costrette a ridurre gli investimenti in ricerca e sviluppo.

I Correlati

I Correlati

Widget: 91798 (categoria) non supportato