Ricette online, in Gazzetta il decreto. Il piano per la diffusione entro il prossimo settembre. La piattaforma la curerà la Sogei

Medicina Generale | Silvio Campione | 15/11/2011 23:29

Dal 31 marzo 2012 le Regioni dovranno garantire la messa a regime della digitalizzazione delle ricette. Le soglie minime, a livello nazionale, in percentuale delle prescrizioni mediche di farmaceutica e specialistica a carico del Servizio sanitario nazionale, saranno indicate con un decreto del ministero dell'Economia, insieme a Pubblica amministrazione e Salute, previo parere della Conferenza delle Regioni.

''Tali soglie - prevede pero' la bozza del provvedimento - non dovranno risultare inferiori al 40% per l'anno 2012, 70% per l'anno 2013 e 90% per l'anno 2014''. Intanto con il decreto 2 novembre 2011, pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 264 del 12 novembre scorso, il ministero dell'Economia e delle Finanze ha dato attuazione al Dl 78 del 2010 in materia di stabilizzazione finanziaria e competitività. Per effetto del decreto, la ricetta cartacea con la prescrizione dei medicinali verrà sostituita dalla ricetta elettronica, generata dallo stesso medico curante (prescrittore) con modalità previste da un disciplinare allegato al decreto. Le tecnologie per raggiungere lo scopo di dematerializzare i rapporti con le farmacie saranno messe a disposizione dallo stesso ministero dell'Economia – attraverso la ben nota Sogei di cui spesso abbiamo parlato -  alle regioni, alle aziende sanitarie locali, ai medici prescrittori e alle strutture di erogazione dei servizi sanitari.  Nella ricetta elettronica saranno inseriti i dati della prescrizione, comprensivi del numero di ricetta elettronica (Nre), del codice fiscale dell'assistito titolare della prescrizione e dell'eventuale esenzione dal ticket sanitario. Il piano per la diffusione della ricetta digitale dovrà essere messo a punto tra ministero, regioni e province autonome entro il settembre del 2012. Una volta che il sistema sarà entrato definitivamente a regime, il paziente potrà recarsi in farmacia con la tessera sanitaria e un codice attribuito alla ricetta in modo che il farmacista, collegandosi al sistema, possa leggere la prescrizione. La ricetta elettronica, partendo dallo studio del medico che la compila, arriverà online alla Regione e al ministero dell'Economia, favorendo così il controllo sulle prescrizioni e sulla spesa. L'innovazione, secondo i tecnici dell’ex ministro Brunetta, dovrebbe infatti garantire un taglio del 30% della spesa farmaceutica. Si prevede un risparmio attorno ai 2 miliardi di euro all'anno. Il decreto stabilisce che i camici bianchi sono tenuti a trasmettere elettronicamente almeno l'80% delle ricette ogni mese, quota sotto la quale scatta l'inadempienza, e quindi le sanzioni. Intanto nei giorni scorsi i medici di famiglia e i titolari di farmacia hanno inviato una nota ai ministri competenti e ai presidenti regionali per manifestare la propria disponibilità a realizzare il progetto della ricetta elettronica, ma chiedono un confronto per individuare e risolvere le possibili criticità. Fimmg e Federfarma chiedono di “Attivare un momento istituzionale di confronto per individuare e risolvere le possibili criticità in fase di applicazione del sistema della ricetta elettronica, criticità sono inevitabili in un progetto di tale portata, che avrà un impatto rilevante per lo sviluppo del Paese”. Le delegazioni dei medici di famiglia e dei titolari di farmacia si sono incontrate la settimana scorsa e hanno unitariamente inviato una nota ai ministri competenti e ai presidenti delle Regioni per chiedere l’avvio del confronto e manifestare la propria disponibilità a fornire tutto il supporto possibile al raggiungimento degli obiettivi previsti dal progetto della ricetta elettronica. “Tale strumento – spiegano le due associazioni di categoria - avrà sicuramente ricadute positive per l’efficienza del servizio farmaceutico e per l’intero sistema sanitario, a condizione che la sua attuazione sia ben ponderata e progressiva su tutto il territorio nazionale”.

I Correlati

I Correlati

Widget: 91798 (categoria) non supportato