Errani a Monti, subito un nuovo patto per la salute

Redazione DottNet | 22/11/2011 10:55

governo regioni sanità-pubblica monti

Definire prima possibile un nuovo Patto per la salute. Le Regioni ne evidenziano l’urgenza in una lettera inviata dal presidente dei governatori, Vasco Errani, al presidente del Consiglio, Mario Monti. I nodi cruciali da affrontare sul tavolo della sanità, riguardano il finanziamento del Servizio sanitario nazionale; gli investimenti in edilizia sanitaria e ammodernamento tecnologico; le procedure per la gestione dei Piani di rientro dal deficit sanitario.

Nella lettera Errani formula, a nome della Conferenza delle Regioni e delle Province autonome, "i migliori auguri per l’attività del Governo", chiamato a operare "in questa delicata congiuntura che attraversa il nostro Paese. Le sfide che abbiamo davanti - scrive - sono impegnative ed è necessario ritrovare coesione fra i diversi livelli istituzionali per rendere più sostenibili le scelte e le politiche del Governo". Anche per questo motivo "la Conferenza delle Regioni e delle Province autonome ha accolto con estremo favore la scelta di impegnarsi personalmente a impostare e condurre i rapporti con le Regioni e le Autonomie locali, presiedendo la Conferenza Stato-Regioni e la Conferenza unificata, ravvisando in ciò l’avvio di una nuova fase nelle relazioni tra Governo e Regioni, maggiormente ispirata al principio di leale collaborazione". Confermando "l’impegno delle Regioni a una stretta e fattiva collaborazione per dare risposte immediate e strutturali alla grave crisi economico-finanziaria", Errani ha chiesto quindi un incontro fra i presidenti delle Regioni e delle Province autonome con il premier per rappresentare "questioni la cui soluzione è essenziale per la coesione economica e sociale dei territori". Sette i temi su cui le regioni ritengono prioritario lavorare: oltre a un nuovo Patto della salute, trasporto pubblico locale, federalismo fiscale, patto di stabilità, riduzione dei costi delle Istituzioni, coesione territoriale e futuro delle politiche regionali di coesione, Welfare.