Firmato il contratto della dirigenza medica

Medicina Generale | Redazione DottNet | 17/10/2008 16:13

Il contratto della dirigenza firmato in via definitiva riguarda i medici, i tecnici, gli amministrativi della sanità pubblica e oltre 25.000 dirigenti. Il contratto stipulato prevede aumenti economici, per il biennio 2006/2007 pari al 4,85% delle retribuzioni in godimento al 31.12.2005.

In particolare il contratto prevede la possibilità di definire con la contrattazione decentrata l'articolazione dell'orario di lavoro. L'aumento degli stipendi per i dirigenti non medici, insieme anche a quello degli oltre 110.000 medici che hanno stipulato il contratto, potrà essere inserito già nelle buste paga del mese di ottobre insieme al pagamento dei relativi arretrati. Il nuovo contratto prevede anche l'inserimento a regime della dirigenza per le professioni sanitarie, come gli infermieri, prevedendo anche per questi la carriera fino alla dirigenza. Dopo i 55 giorni previsti per legge e il parere favorevole della Corte dei Conti, ha spiegato Daniela Volpato segretario nazionale CISL FP, è stato raggiunto ''un accordo complessivamente positivo sotto il profilo economico e per la possibilità di avviare ora una discussione più articolata ed organica su tutte le importanti materie normative che qualificano il lavoro dirigenziale nella sanità pubblica''. Armando Masucci, Segretario nazionale della Federazione Medici della UIL-Fpl, sottolinea come il contratto abbia ha un solo autentico significato: ''la difesa dei diritti dei lavoratori e la certezza della efficienza della continuità dell'assistenza per i cittadini. Le misure previste nell'articolo sul riposo giornaliero sono finalizzate ad evitare soprattutto dopo il servizio notturno la riduzione della efficacia ed efficienza della prestazione professionale''. Ma, ha invece sottolineato Massimo Cozza, segretario nazionale dei medici della Cgil, la firma del contratto non fermerà la protesta già indetta del pubblico impiego: i medici quindi sciopereranno secondo le modalità previste il 3 novembre al Centro, il 7 al Nord e il 14 al Sud e nelle Isole.

I Correlati

I Correlati

Widget: 91798 (categoria) non supportato