Eventi avversi, più di mille casi dal 2005 ad oggi

Redazione DottNet | 27/11/2011 18:41

ministero-della salute professione sanità-pubblica eventi-avversi

Suicidio o tentato suicidio, morte o grave danno per la caduta del paziente, morte conseguente ad intervento chirurgico: sono alcuni dei principali 'eventi sentinella', cioe' gli eventi avversi, non molto frequenti ma di particolare gravita', che possono comportare morte o grave danno per il paziente minando la fiducia dei cittadini nei confronti del servizio sanitario. Lo evidenzia il 3/o Rapporto di monitoraggio degli eventi sentinella del ministero della Salute, che considera tutti gli eventi validati ai tre livelli (Azienda, Regioni e ministero della Salute).

Dal 2005 al 2010 sono in particolare pervenute 1047 segnalazioni dalle strutture sanitarie, di cui 873 giudicate valide. Il suicidio o tentato suicidio e' l'evento sentinella piu' frequente con il 19% delle segnalazioni valide nel quinquennio considerato; seguito dalla morte o grave danno per caduta paziente (16,8%) e da ''ogni altro evento avverso che causa morte o grave danno al paziente'' (15,4%). Segue ''strumento o altro materiale lasciato all'interno del sito chirurgico che richieda un successivo intervento o ulteriori procedure'' (8,7%). Ci sono poi ''morte o disabilita' permanente in neonato'', ''atti di violenza a danno di operatore'', e ''morte o grave danno conseguente a inadeguata attribuzione del codice triage nella centrale operativa 118 o all'interno del pronto soccorso''.