Racca: le farmacie vanno valorizzate fornendo più servizi

Redazione DottNet | 29/11/2011 09:48

federfarma governo sanità-pubblica farmacia racca

Valorizzare e salvaguardare l'importanza sanitaria strategica delle farmacie italiane, modernizzando il sistema e fornendo maggiori servizi, ma senza metterlo a rischio attraverso liberalizzazioni generalizzate. E' questo il messaggio trasversale arrivato oggi dal convegno di Federfarma Rieti ''Dalla Farmacia di Servizio alla Farmacia di servizi'', organizzato nel capoluogo sabino, con il supporto di Federfarma Lazio e Federfarma nazionale

 All'evento, affollato da oltre 100 titolari della provincia e dal resto d'Italia, hanno partecipato i vertici del sindacato dei farmacisti: la presidente nazionale Annarosa Racca, il presidente del Sunifar (rurali) Alfredo Orlandi, il presidente del Lazio Franco Caprino e quello di Rieti, Pierluigi Cortellini. Importante anche il panel degli altri relatori coinvolti: i senatori PDL Maurizio Gasparri e Luigi D'Ambrosio Lettieri, l'onorevole PD Luciana Pedoto e il direttore generale dalla ASL di Rieti, Rodolfo Gianani, e Guido Rotili, gia' presidente dell'Ordine dei Farmacisti di Rieti. ''In un momento in cui la tendenza politica di fondo sembra essere quell'apertura del mercato delle farmacie, la scelta di Rieti per ospitare questo convegno e' simbolica'', ha detto il senatore Lettieri, riferendosi alla peculiarita' del territorio sabino, che ospita numerose farmacie piccolissime (rapporto farmacie/numero di abitanti residenti), probabilmente le piu' piccole d'Italia. Di liberalizzazione responsabile ha parlato anche l'onorevole Pedoto, spiegando che: ''chi oggi propone di liberalizzare l'apertura delle farmacie dovrebbe porsi il problema della continuita' assistenziale nei piccoli centri.Se aprissimo il mercato rischieremmo di lasciare i 2/3 del territorio italiano senza adeguata copertura, sovraffollando di attivita' solo le zone piu' popolose. E' un rischio che non possiamo correre''. Anche il senatore Gasparri ha sottolineato la necessita' di ''salvaguardare la professione e il suo valore per i cittadini. E' giusto modernizzare l'assetto della farmacia italiana, ma senza penalizzare i territori meno popolati, come quello reatino. In ogni caso, sono contrario a un'idea di liberalizzazione selvaggia''. Il rafforzamento del legame tra farmacie, SSN e territorio e' stato uno dei punti centrali dell'intervento della presidente nazionale Annarosa Racca: ''La nuova normativa sui servizi aggiuntivi in farmacia - ha detto - ci da' l'opportunita' per migliorare il gia' ottimo servizio che da piu' parti ci viene riconosciuto e che ogni giorno viene gestito da 18.000 farmacisti titolari su tutto il territorio nazionale. Siamo disponibili a dialogare su una riforma dell'ordinamento della farmacia, anche rivedendo il quorum minimo per le aperture, ma contrari alla liberalizzazione dura e pura, che non porterebbe risparmio al SSN nazionale ne' veri vantaggi ai cittadini''. Sulla stessa linea, infine, anche il presidente provinciale Pierluigi Cortellini, che ha spiegato come sia necessario: ''Fare di piu' per salvaguardare una rete di farmacie che in tutta Italia, a Roma come in un paese di 500 persone, offre lo stesso tipo e qualita' di servizi. Non c'e' dubbio che le farmacie piu' piccole, quelle cioe' che rendono un vero e proprio servizio alla comunita' locale, debbano essere salvaguardate. In questa prospettiva, parlare di liberalizzazione porterebbe al collasso del sistema e alla completa desertificazione sanitaria di vaste aree, a causa dell'applicazione di logiche esclusivamente commerciali''.