Pegloticase, anti-gottoso privo di effetti dannosi a livello renale, lo ha dimostrato uno studio presentato in occasione della American Society of Nephrology (ASN) Kidney Week 2011

fabio ciccone | 09/12/2011 11:04

Uno studio presentato in occasione della American Society of Nephrology (ASN) Kidney Week 2011 ha considerato gli effetti dell’anti-gottoso pegloticase in pazienti con gotta cronica refrattaria e malattia renale cronica, dimostrando che non si sono osservato effetti deleteri a livello renale. Nello studio i ricercatori hanno analizzato i risultati di due trial di fase III che avevano confrontato l’efficacia di pegloticase rispetto al placebo. Il gruppo in studio comprendeva103 pazienti con malattia renale cronica di stadio 3 o 4.

I pazienti erano stati trattati con 8 mg di pegloticase ogni 2 o 4 settimane, o placebo. Attraverso la valutazione dell’eGFR, si è ooservata la funzione renale dei partecipanti a 0, 7, 13, 19 e 25 settimane post-randomizzazione.
Alla settimana 0, l’eGFR medio era  di 40 ml/min/1,73 m2  per i pazienti trattati ogni 2 o 4 settimane con pegloticase e di 43 ml/min/1,73 m2  nei controlli. A 25 settimane l’eGFR era di 42 ml/min/1,73 m2  nei soggetti trattati con il farmaco ogni 2 settimane, di 41 ml/min/1,73 m2  per quelli trattati ogni 4 settimane e di 47 ml/min/1,73 m2  per i controlli.


Effect of Pegloticase (PGL) on Renal Function in Patients With Chronic Kidney Disease (CKD). Abstract TH-PO384

I Correlati

I Correlati

Widget: 91798 (categoria) non supportato