Una nuova procedura chirurgica per l'obesità:la plicatura gastrica laparoscopica

Gastroenterologia | Giorgio Bottani | 17/01/2012 13:21

La Plicatura Gastrica (o "gastric plication","gastric wrap") è un intervento di recente introduzione nel panorama delle tecniche chirurgiche nel trattamento dell'obesità patologica. E' stata proposta come una evoluzione meno invasiva della sleeve gastrectomy.

Infatti si determina una restrizione gastrica confezionando un tubulo gastrico, ripiegando su se stessa e suturando la grande curvatura gastrica, ottenendo una riduzione dell'80% della capacità gastrica iniziale.

La tecnica è stata descritta da un Chirurgo iraniano,il Dr Talebpour,che riferisce un follow-up di sette anni della sua casistica, e successivamente è stata realizzata in vari Centri di Chirurgia dell'obesità, in Europa, Messico e recentemente negli Stati Uniti.

Per la recente introduzione, è un intervento in corso di valutazione e validazione da parte delle Società Scientifiche.

La procedura prevede l'isolamento della grande curvatura gastrica, da 5 cm dal piloro sino al cardias,ottenuta sezionando il grande omento ed i vasi gastrici brevi, come nella sleeve gastrectomy e, successivamente la grande curvatura viene "invaginata" cioè ripiegata su se stessa,e avvicinata con due linee di sutura, sulla guida di una sonda o di un gastroscopio per assicurare la pervietà ed uniformità del lume gastrico.

Perché funziona?

Questa procedura induce una perdita di peso attraverso una restrizione gastrica per la riduzione della capacità gastrica.

Lo stomaco rimanente assume la forma di una banana con un volume interno di 60-100cc.

L’innervazione vagale gastrica, e il piloro rimangono intatti preservando le funzioni dello stomaco, mentre ne è ridotto il volume.

La Plicatura Gastrica non è un bypass,quindi non provoca meccanismi malassorbitivi, ma solo una riduzione dello stomaco.
Il transito alimentare nel neostomaco risulta più veloce, con ingesti che arrivano precocemente all'intestino, inducendo una risposta ormonale di sazietà.
Il meccanismo d'azione non è quindi solo di restrizione del volume, ma più complesso e su più fronti.

Per chi è indicata?

-Pazienti con BMI alto (>50-60)

In un paziente con un BMI di 60 è infatti difficoltoso e pericoloso eseguire un By Pass Gastrico o una Duodenal Switch laparoscopicamente.

La Plicatura è una possibile soluzione a questo problema.

La riduzione di peso che provoca, è sufficiente a migliorare la salute e porta effettivamente il paziente a un gruppo di rischio più basso Quando il BMI del paziente si è abbassato ,si può considerare, se utile una procedura di Duodenal Switch , con minor rischio operatorio.

-Pazienti con BMI basso (35-45)
-in tutti i pazienti che non rientrino nei candidati ideali per un bendaggio gastrico
- quelli che sono preoccupati riguardo gli effetti generali e locali a lungo termine di un By Pass intestinale , come l'occlusione intestinale , l'ulcera , l'anemia, l'osteoporosi, la carenza proteica e vitaminica.
- quelli che sarebbero interessati al bendaggio gastrico , ma sono preoccupati per l'introduzione nell'organismo di un corpo estraneo.
- Quelli che hanno altri problemi medici come l'anemia, la malattia di Crohn o un precedente grosso intervento chirurgico.
- Persone che necessitano di terapia anti-infiammatoria. (Solitamente questi farmaci dovrebbero essere evitati dopo un intervento di By Pass Gastrico).

Vantaggi
- lo stomaco non viene tagliato, riducendo notevolmente i rischi di fistole postoperatorie
- lo stomaco è ridotto di volume , così che molti tipi di cibi possono essere consumati , sebbene in piccole quantità .
- nessuna Dumping Sindrome, perché il piloro è conservato.
- Minimizza il rischio di ulcera.
- Nessun rischio di ostruzione intestinale, anemia, osteoporosi e la deficienza proteica e vitaminica

- Indicato per pazienti con anemia , malattia di Crohn e numerose altre condizioni che rendono alto il rischio per l'intervento di By Pass Gastrico.

-Reversibilità completa della procedura.

Svantaggi
- Metodica di recente introduzione,di cui non si hanno risultati a lungo termine
- Come per tutte le procedure restrittive sono da evitare i cibi liquidi e molto calorici , come il gelato che sono assorbiti e potrebbero causare la mancata perdita di peso .

Rischi e complicanze
Come per ogni intervento chirurgico ci possono essere delle complicanze di tipo generale. Questa metodica ha suscitato notevole interesse ed entusiasmo tra gli specialisti del settore, tanto da essere annoverata tra le 10 innovazioni terapeutiche del 2011 dalla Cleveland Clinic.
Vi sono varie motivazioni, tra cui indubitabilmente i minori costi, le attese minori complicanze, ma soprattutto rappresenta un gradino mancante nella scala terapeutica del trattamento dell'obesità.

Sino ad ora da una parte vi era il bendaggio gastrico( metodica restrittiva ) e dall'altra metodiche chirurgiche che comportano alterazioni anatomiche e funzionali importanti (bypass gastrico,duodenal switch). In pratica non vi era a disposizione un intervento di primo livello da affiancare al bendaggio gastrico per i casi in cui non vi fosse a questo indicazione. Questo funzione sostitutiva era stata occupata in parte dalla sleeve gastrectomy, che pur essendo un ottimo intervento comporta la non reversibilità e rischi di fistola postoperatoria.
La plicatura gastrica(anch'essa metodica restrittiva) sembra invece potersi porre esattamente in questa posizione, sia come prevedibili complicanze,decorso postoperatorio, risultati.

La reversibilità, già provata su casi sporadici a sei mesi dall'intervento, è però da validare su più larga scala.
E' chiaro che ogni intervento conserva la sua validità ed indicazione, e soprattutto va valutato ogni singolo paziente in ogni suo aspetto morfologico e comportamentale.

La Plicatura gastrica non rappresenta la soluzione per tutti, ma sicuramente rappresenta un’utile nuova procedura terapeutica.

Risultati

Un calo dell’eccesso di peso del 60-62% a 1 anno che si mantiene nel tempo.

I Correlati

I Correlati

Widget: 91798 (categoria) non supportato