Applicazione di farmaci contraccettivi orali per il trattamento della dismenorrea. Pubblicato studio su Human Reproduction

Matteo De Magistris | 20/01/2012 12:58

contraccezione ginecologia mestruazioni

La dismenorrea è un disturbo che si presenta con un’alterazione del ciclo mestruale accompagnata da sintomatologia dolorosa, e colpisce più della metà delle donne. Molti studi effettuati su questo tema hanno dimostrato che la pillola contraccettiva è efficace come analgesico, nel trattamento di questa patologia.

In particolare, sulla rivista Human Reproduction è stato pubblicato un o studio effettuato da un team di ricercatori della Sahlgrenska Academy dell'Università di Goteborg, i quali hanno sottoposto a controlli, gruppi di pazienti di età media 19 anni, reclutate rispettivamente nel 1981, nel 1991 e nel 2001, e ricontattate dopo 5 anni per verificarne le condizioni. Bisogna però, premettere che questo tipo di farmaci non è stato ancora approvato per il trattamento della dismenorrea. Ingela Lindh, responsabile dello studio, ha affermato che il 50-70% delle donne soffre di dismenorrea, ma è stata rilevata una differenza dell’acuità del dolore tra pazienti che utilizzano o meno contraccettivi orali: si è verificata una riduzione dello stato doloroso da “grave” a “moderato” in una donna su tre nel gruppo in coloro che assumono questo tipo di farmaci. Tale patologia comporta spesso assenteismo dal luogo di lavoro o dalla scuola e può interferire con l’attività quotidiana delle donne che ne soffrono. Secondo i dati ottenuti da un sondaggio americano, tale disturbo rappresenta la causa di 600 milioni di ore di lavoro perse annualmente dalle donne statunitensi. Tuttavia, l’Agenzia europea del farmaco, che sovrintende licenze sui farmaci in tuta l'UE, non ha ancora approvato i contraccettivi orali per il trattamento della dismenorrea.

Bibliografia: Ingela Lindh et al. Sahlgrenska Academy Università of Goteborg, Human Reproduction 2012