Un paziente su quattro è a rischio di broncopneumopatia cronica ostruttiva

| 23/01/2012 12:36

La broncopneumopatia cronica ostruttiva ( BPCO )è una delle malattie croniche a maggiore mortalità, ma in letteratura non si leggono molte informazioni riguardo alla stima del rischio di sviluppare la patologia.
Sull’argomento è stato condotto in Canada uno studio di coorte, retrospettivo, longitudinale. I pazienti sono stati monitorati per un periodo di 14 anni per 3 possibili esiti: diagnosi di broncopneumopatia cronica ostruttiva da parte di un medico, raggiungimento degli 80 anni di età o decesso.
Il rischio di broncopneumopatia cronica ostruttiva è stata pari al 27.6% e percentualmente più alto nel sesso maschile.

Individui con più basso status socio-economico sono maggiormente esposti alla patologia ( 32.1%vs 23.0% ), che incorre anche con maggior frequenza negli individui che vivono in un contesto rurale piuttosto che in un contesto urbano ( 32.4% vs 26.7%).
In conclusione, esiste una probabilità di 1 su 4 di ricevere diagnosi di broncopneumopatia cronica ostruttiva nel corso della propria vita.

Bibliografia: Gershon ASet al. Lifetime risk of developing chronic obstructive pulmonary disease: a longitudinal population study. Lancet. 2011 Sep 10;378(9795):991-6.