Sindrome nefrosica in paziente con artrite reumatoide e in chemioprofilassi anti-tubercolosi con isoniazide

Medical Information Dottnet | 30/01/2012 15:08

Un caso clinico mette in evidenza una forma di sindrome nefrosica associata al trattamento terapeutico. Una donna affetta da artrite reumatoide sieropositiva (AR) e tubercolosi latente ha sviluppato una alterazione dei glomeruli renali in seguito all'inizio della chemioprofilassi anti-tubercolosi con isoniazide.

L’osservazione risulta rilevante perché si tratta del primo caso segnalato di sindrome nefrosica indotta dal farmaco che tuttavia è il principale antibiotico adoperato nella gestione clinica della patologia e ritenuto terapeuticamente sicuro ed efficace nella chemioprofilassi anti-tubercolosi anche nei pazienti che manifestano infezione tubercolare latente associata con artrite reumatoide.

 

Bibliografia: Mori S.Minimal-change nephrotic syndrome associated with isoniazid in anti-tuberculosis chemoprophylaxis for a patient with rheumatoid arthritis. Intern Med.2011;50(3):253-7. Epub 2011 Feb 1.

I Correlati

I Correlati

Widget: 91798 (categoria) non supportato