Diabete

I trattamenti, le terapie, i farmaci e la dieta per la cura del diabete

redazione@merqurio.it

Il fenotipo diabetico nell’infanzia. Le caratteristiche cliniche

Diabetologia | Medical Information Dottnet | 19/05/2017 13:02

La valutazione iniziale di autoanticorpi è importante per la classificazione ed il management dei pazienti diabetici.

Il diabete mellito (DM) viene generalmente classificato in due tipi: il tipo 1 (DM1), caratterizzato dalla distruzione delle cellule beta del pancreas; ed il tipo 2 (DM2), definito insulino-resistente. Precedentemente si pensava che il diabete si presentasse nei bambini solo nella forma 1, ma recentemente si è assistito ad un drammatico incremento del tipo 2. Ad ogni modo bisogna tener conto che classificare il diabete mellito sulla base delle caratteristiche cliniche è alquanto complicato. Ci sono inoltre dei casi, sempre più frequenti, di una forma particolare di diabete non dipendente dall’insulina e caratterizzato dalla presenza di autoanticorpi, evidenziati al momento della diagnosi. Questo tipo di diabete è stato definito DM1.5 o diabete autoimmune latente (LAD), e si presenta come un DM1 a lenta progressione. I pazienti LAD sviluppano la malattia in età adulta e i loro livelli di glucosio nel sangue risultano ben controllati al momento della diagnosi. Questi soggetti presentano, però, un rischio alto di progressione della malattia dopo diversi anni verso la forma insulino-dipendente.

Lo studio è stato disegnato per valutare le caratteristiche cliniche del DM infantile legate alla classificazione e al decorso clinico del LAD.

Nello studio sono stati coinvolti 91 soggetti che avevano ricevuto una diagnosi dal 2001 al 2015. Ogni paziente è stato sottoposto ad una valutazione delle caratteristiche cliniche ed esami di laboratorio. Sono stati distinti così in 3 gruppi:

  • DM1 (56%)
  • LAD (7.7%)
  • DM2 (36.3%)

I risultati hanno mostrato che nei pazienti LAD, l’età alla diagnosi e BMI Z-scores sono più alti rispetto a quelli in caso di DM1. I livelli sierici iniziali del peptide-c sono risultati più alti in LAD che in DM1, ma più bassi di quelli DM2.

Nel caso specifico di pazienti LAD la media di durata del follow-up è stata di 4.56 anni, e il 43% dei pazienti alla fine hanno richiesto un trattamento intensivo con l’insulina con un dosaggio maggiore di 0.5 U/kg/day. Al momento della terapia insulinica i livelli di HbA1C e del peptide-c sono risultati del 9.43±0.93% e 1.37±1.36 ng/mL, rispettivamente. Inoltre il rapporto peptide-c/glucosio è risultato più basso nel gruppo per il quale si è richiesto il trattamento intensivo con l’insulina rispetto al gruppo che non necessitava di tale cura (0.003±0.005 vs. 0.071±0.086, p-value: 0.057).

Dal lavoro emerge che la valutazione iniziale di autoanticorpi sia utile per la classificazione ed il management dei pazienti diabetici. Risulta inoltre importante ri-valutare i livelli anticorpali in pazienti con un  fenotipo DM2 che avevano in precedenza mostrato una positività anticorpale. Un monitoraggio costante, sia dei pazienti con LAD che di quelli che presentano autoanticorpi e caratteristiche cliniche del DM2, è fondamentale per la necessità di individuare tempestivamente coloro che potrebbero beneficiare di un trattamento intensivo con l’insulina nel corso di alcuni anni.

 

Fonte:

Lee SH and Yu J. Clinical features of childhood diabetes mellitus focusing on latent autoimmune diabetes. Ann Pediatr Endocrinol Metab 2016;21:212-218.

Video

  • Il diabete segue un gradiente regionale

    Più rappresentato nelle regioni meridionali, il diabete risulta anche maggiormente presente nella fascia di popolazione con condizioni socio-econimiche modeste. A spiegare le differenze regionali e le possibili cause è Salvatore Caputo, presidente Diabete Italia.

    Guarda »
  • Il diabete si sposta in città

    Si chiama urban diabetes ed è il diabete che si manifesta in chi vive nelle zone urbane. Se ne è parlato in occasione della presentazione dell'11th italian Diabetes & Obesity Barometer Report. A spiegare cos'è Francesco Dotta, direttore UO Diabetologia Policlinico le Scotte, Siena.

    Guarda »
  • Il 6% della popolazione soffre di diabete

    Insieme ad Antonio Nicolucci, direttore CORESEARCH, DottNet propone una fotografia sul diabete nel nostro Paese.

    Guarda »
  • La salute nelle città

    Tracciata una mappa molto precisa delle condizioni demografiche e sociali del territorio dell'area metropolitana di Roma. A presentare i dati preliminari del progetto internazionale cities changing diabetes Ketty Vaccaro, responsabile area salute e welfare Censis.

    Guarda »
  • I numeri sul diabete a Roma

    Lazio terza regione in Italia per prevalenza del diabete, con più di 360mila le persone affette. Di queste il 75% vive nell'area metropolitana di Roma e il 50% nella città. A presentare i dati preliminari del progetto cities changing diabetes c’è Antonio Nicolucci, Direttore di Coresearch.

    Guarda »
  • Emergenza diabete nelle città: il ruolo dei medici

    Fare rete tra medico di medicina generale e specialista per fare diagnosi precoce e creare un flusso virtuoso. Ai microfoni di DottNet Simona Frontoni, Presidente SID Lazio.

    Guarda »
  • Il diabete urbano

    Francesco Dotta, Segretario generale IBDO Foundation fornisce un identikit del diabete urbano.

    Guarda »
  • Progetto sul diabete urbano

    "Roma - spiega Andrea Lenzi, presidente dell'Health City Insititute - è la metropoli scelta per il 2017 nell’ambito del programma Cities Changing Diabetes, l’iniziativa realizzata in partnership tra University College London (UCL) e il danese Steno Diabetes Center, con il contributo dell’azienda farmaceutica Novo Nordisk. Coinvolge istituzioni nazionali, amministrazioni locali, mondo accademico e terzo settore, con l’obiettivo di studiare il legame fra il diabete e le città e promuovere iniziative per salvaguardare la salute e prevenire la malattia”.

    Guarda »
  • Internet non mette in discussione il ruolo del medico

    Francesca Venturi, qualitative researcher Medi-Pragma, presenta i dati dell'Health WEB Observatory sul diabete, dall'uso di internet e di social tra i pazienti al sentimento del medico rispetto a questo uso.

    Guarda »
  • Un nuovo studio per proteggere le ossa del paziente diabetico

    "Il paziente con diabete - chiarisce Ilaria Barchetta, Medicina Interna e Diabetologia, Università Sapienza - è particolarmente a rischio di frattura. Esplorare una terapia che unisca gli effetti benefici del controllo glicemico a un ruolo protettivo dell'osso può permetterci di trattare il paziente in maniera multidimensionale e personalizzata".

    Guarda »
  • La ricerca sul diabete italiana è tra le migliori del mondo

    Nel campo della ricerca sul diabete, "L'Italia è al terzo posto per qualità della ricerca - sostiene il Prof. Giorgio Sesti, Presidente Società Italiana di Diabetologia (SID) - dopo Stati Uniti e Inghilterra". L'Italia è addirittura prima se si confrontano qualità della ricerca e numero di finanziamenti.

    Guarda »