Diabete

I trattamenti, le terapie, i farmaci e la dieta per la cura del diabete

redazione@merqurio.it

Il fenotipo diabetico nell’infanzia. Le caratteristiche cliniche

Diabetologia | Medical Information Dottnet | 19/05/2017 13:02

La valutazione iniziale di autoanticorpi è importante per la classificazione ed il management dei pazienti diabetici.

Il diabete mellito (DM) viene generalmente classificato in due tipi: il tipo 1 (DM1), caratterizzato dalla distruzione delle cellule beta del pancreas; ed il tipo 2 (DM2), definito insulino-resistente. Precedentemente si pensava che il diabete si presentasse nei bambini solo nella forma 1, ma recentemente si è assistito ad un drammatico incremento del tipo 2. Ad ogni modo bisogna tener conto che classificare il diabete mellito sulla base delle caratteristiche cliniche è alquanto complicato. Ci sono inoltre dei casi, sempre più frequenti, di una forma particolare di diabete non dipendente dall’insulina e caratterizzato dalla presenza di autoanticorpi, evidenziati al momento della diagnosi. Questo tipo di diabete è stato definito DM1.5 o diabete autoimmune latente (LAD), e si presenta come un DM1 a lenta progressione. I pazienti LAD sviluppano la malattia in età adulta e i loro livelli di glucosio nel sangue risultano ben controllati al momento della diagnosi. Questi soggetti presentano, però, un rischio alto di progressione della malattia dopo diversi anni verso la forma insulino-dipendente.

Lo studio è stato disegnato per valutare le caratteristiche cliniche del DM infantile legate alla classificazione e al decorso clinico del LAD.

Nello studio sono stati coinvolti 91 soggetti che avevano ricevuto una diagnosi dal 2001 al 2015. Ogni paziente è stato sottoposto ad una valutazione delle caratteristiche cliniche ed esami di laboratorio. Sono stati distinti così in 3 gruppi:

  • DM1 (56%)
  • LAD (7.7%)
  • DM2 (36.3%)

I risultati hanno mostrato che nei pazienti LAD, l’età alla diagnosi e BMI Z-scores sono più alti rispetto a quelli in caso di DM1. I livelli sierici iniziali del peptide-c sono risultati più alti in LAD che in DM1, ma più bassi di quelli DM2.

Nel caso specifico di pazienti LAD la media di durata del follow-up è stata di 4.56 anni, e il 43% dei pazienti alla fine hanno richiesto un trattamento intensivo con l’insulina con un dosaggio maggiore di 0.5 U/kg/day. Al momento della terapia insulinica i livelli di HbA1C e del peptide-c sono risultati del 9.43±0.93% e 1.37±1.36 ng/mL, rispettivamente. Inoltre il rapporto peptide-c/glucosio è risultato più basso nel gruppo per il quale si è richiesto il trattamento intensivo con l’insulina rispetto al gruppo che non necessitava di tale cura (0.003±0.005 vs. 0.071±0.086, p-value: 0.057).

Dal lavoro emerge che la valutazione iniziale di autoanticorpi sia utile per la classificazione ed il management dei pazienti diabetici. Risulta inoltre importante ri-valutare i livelli anticorpali in pazienti con un  fenotipo DM2 che avevano in precedenza mostrato una positività anticorpale. Un monitoraggio costante, sia dei pazienti con LAD che di quelli che presentano autoanticorpi e caratteristiche cliniche del DM2, è fondamentale per la necessità di individuare tempestivamente coloro che potrebbero beneficiare di un trattamento intensivo con l’insulina nel corso di alcuni anni.

 

Fonte:

Lee SH and Yu J. Clinical features of childhood diabetes mellitus focusing on latent autoimmune diabetes. Ann Pediatr Endocrinol Metab 2016;21:212-218.

XXI Congresso Nazionale AMD

  • Il diabete e il Servizio Sanitario Nazionale.

    Paola Pisanti spiega che cosa si sta facendo affinché questa che viene ormai definita una pandemia abbia un impatto meno gravoso per l'ammalato ma anche per medici e infermieri. A tutto ciò provvederà anche il piano della cronicità che vede la persona al centro della sanità.

    Guarda »
  • AMD: il bilancio del Presidente uscente

    Nicoletta Musacchio lascia dopo due anni la presidenza dell'AMD. Traccia un bilancio della sua attività concentrandosi in particolare sul ruolo che ha avuto la società scientifica sotto la sua guida.

    Guarda »
  • Diabete: la sfida è ridurre i ricoveri. Il ruolo dei centri

    Domenico Mannino è il neo eletto presidente AMD: il diabete tra presente e futuro con i malati che aumentano in maniera esponenziale con tutto ciò che ne consegue in termini di costi. La sfida sarà ridurre le complicanze che influiscono sui ricoveri ospedalieri, una voce che rappresenta un costo non indifferente. Mannino fa anche un passaggio sul ruolo del medico di famiglia nella cura del, diabete così come per gli altri specialisti di tutta la filiera. In questo contesto i centri antidiabetici avranno un ruolo più forte, di coordinamento tra le varie figure professionali.

    Guarda »
  • Il web è uno strumento prezioso per il paziente e il team di diabetologi

    "Il web è un'opportunità straordinaria di condivisione di informazioni - dichiara Paolo Di Bartolo, Direttore UO Diabetologia, Ravenna - ma non sempre le informazioni disponibili si basano su dati confermati".

    Guarda »
  • Diabete: come cambiare la storia

    "Le nuove tecnologie - spiega con vivo entusiasmo Renato Giordano, UOC Diabetologia e Dietologia Osp. S. Spirito di Roma - supportano le persone con diabete, come anche i nuovi farmaci. Fino agli anni '70 esistevano solo due farmaci. Ora abbiamo 1.200 opzioni di terapie diverse". La medicina personalizzata è già il presente.

    Guarda »
  • Salute: cosa cambia con i Big Data

    "Gli obiettivi della medicina - sostiene Rita Zilich, Partner MIX-X - continuano a essere prevenzione, cura e guarigione. I Big Data costituiscono un'opportunità per passare da una medicina reattiva a una medicina proattiva".

    Guarda »
  • Il digitale sta rivoluzionando la medicina

    "Il digitale sta cambiando l'approccio medico alla cura della malati" lo sostiene la dott. ssa Paola Ponzani, Endocrinologia e Diabetologia, ALS 3 Genova.

    Guarda »
  • Intelligenza Artificiale & Big Data

    L'Intelligenza Artificiale - chiarisce Andrea Risi, CEO e Co-Founder Rulex Analytics - rappresenta un'importante risorsa per analizzare la crescente mole dei dati raccolti dai nuovi device.

    Guarda »
  • Telemedicina: uno strumento potentissimo per dare continuità alle cure

    La telemidicna - spiega Antonio Nicolucci Direttore presso CORESEARCH Srl - Center for Outcomes Research and Clinical Epidemiology - può garantire l'assistenza continuativa ai malati cronici.

    Guarda »