Epatopatie

Epatiti, cirrosi e steatosi: diagnosi, aggiornamenti e nuovi studi clinici circa le patologie epatiche più diffuse

redazione@merqurio.it

Pronto il piano contro le epatiti. Lorenzin: presto i nuovi farmaci

Redazione DottNet | 05/11/2014 20:48

Il Piano nazionale contro le epatiti è pronto e la volontà del governo è quella di assicurare i nuovi farmaci di ultima generazione, capaci di eradicare il virus, a tutti i pazienti, che in Italia sono oltre 800mila. La rassicurazione arriva dal ministro della Salute, Beatrice Lorenzin. Le associazioni dei malati, però, chiedono misure immediate e si dicono pronte a nuove proteste.

Il Piano nazionale, ha affermato il ministro durante il question time alla Camera, ''è pronto e stiamo ora cercando di mettere una cifra economica accanto al Piano di eradicazione''. Una patologia, ha detto, che rappresenta una ''piaga da eliminare nel nostro Paese''. Per questo, Lorenzin ha assicurato: ''E' mia ferma intenzione garantire nel prossimo futuro l'accesso di tutti i pazienti alle nuove terapie farmacologiche mediante la costituzione di un fondo ad hoc contro l'epatite C, che preveda l'eradicazione della malattia in pochi anni''. Tuttavia, ''nel frattempo - ha precisato - si è reso necessario procedere ad una modulazione dell'accesso alle terapie in modo da assicurare progressivamente il trattamento a tutti i pazienti''.

L'Agenzia italiana del farmaco (Aifa), ha ricordato Lorenzin, ''ha individuato alcune priorità di intervento, dati gli alti costi delle terapie ed il numero dei pazienti''. Il ministro ha quindi sottolineato che ''l'imminente introduzione nel mercato italiano del farmaco a base del principio attivo sofosbuvir va salutata come l'inizio di una nuova fase per la prevenzione delle epatiti che punta su terapie farmacologiche che non richiederanno per il futuro il ricorso all'interferone''. La definizione dei ''criteri di accesso a tali terapie, garantendo anche la sostenibilità del sistema - ha detto - costituisce una mia assoluta priorità, che ritengo sia nazionale e che non può essere gestita Regione per Regione in base alle differenti disponibilità economiche''. Il provvedimento per la commercializzazione del farmaco, ha aggiunto, ''sarà pubblicato a breve in gazzetta ufficiale'' ma l'Aifa ''ha comunque garantito l'accesso alle cure compassionevoli a carico dell'azienda produttrice per i pazienti piu' gravi''. Questa settimana, inoltre, è previsto presso il ministero un incontro con i rappresentanti delle Regioni ''per valutare nel suo complesso l'impatto, anche economico, della prossima commercializzazione del farmaco''.

I malati, però, sono critici e si dicono pronti a nuove iniziative, compresa una manifestazione davanti al ministero dell'Economia, se non ci saranno risposte sul fondo per i nuovi farmaci contro la malattia, come afferma Ivan Gardini, presidente dell'associazione Epa C onlus, all'indomani della lettera di tutte le associazioni che chiede al governo un fondo da 700 milioni di euro in dieci anni. L'Aifa, rileva Gardini, ''ha concluso la contrattazione del Sofosbuvir, il primo della nuova serie di farmaci che riesce a eradicare il virus, a fine settembre, ma da allora non ci sono stati sviluppi. Dopo proclami roboanti - conclude - il ministero della Salute si è lavato le mani della vicenda, questo è inaccettabile

 

 

fonte: ansa