Sileri e Bonaccini, sì a più vaccini in farmacia

Farmacia | Redazione DottNet | 01/10/2020 20:25

"Dare una quota alle farmacie per la vaccinazione extra rispetto alle indicazioni date"

Il viceministro alla Salute Pierpaolo Sileri ed il presidente dell'Emilia Romagna e della Conferenza delle Regioni, Stefano Bonaccini (nella foto) sono possibilisti sull'aumento delle quote di vaccino antinfluenzale per le farmacie, in vista della prossima campagna di vaccinazione, rispetto a quanto previsto dall'accordo Stato Regioni.
 
"Come Emilia Romagna - ha sottolineato Bonaccini - eravamo già la Regione che più dava alle farmacie, non è molto. Ma ora raddoppieremo e credo che questo debba essere fatto da tutte le regioni. Questa è la considerazione che anche in conferenza stiamo facendo. Se il Governo spinge ancora di più  potremo dare una mano perché è giusto vaccinarsi". "Le dosi di vaccino contro l'influenza ordinate quest'anno sono poco meno del doppio dello scorso anno - ha ricordato il viceministro Sileri -. Va considerato però che l'adesione finale da parte degli italiani è estremamente bassa, di solito il 16%. I nostri anziani che si  vaccinano sono poco più del 50%".

"Ora quest'anno l'età è stata abbassata ai 60 anni, quindi è più ampia la platea per il vaccino gratuito. Ma purtroppo ogni anno circa il 5-10 per cento delle dosi non vengono utilizzate, vengono date indietro, non vengono utilizzate, in alcune regioni addirittura si arriva al 20 per cento. - conclude Sileri - Quindi si potrebbe riservare una quota, che sappiamo già quella che sarà, e darla alle farmacie per la vaccinazione extra rispetto alle indicazioni date".

 

Ultime News