Lesioni tipo Chilblain su mani e piedi e Covid-19.

Sanità pubblica | Redazione DottNet | 08/07/2020 10:06

Queste lesioni potrebbero essere una manifestazione tardiva di COVID-19

Quando ci si trova di fronte a questo tipo di lesioni si consiglia di esplorare possibili contatti con COVID-19, e in ogni caso indagare sull'esistenza di febbre o raffreddore nelle settimane precedenti l'apparizione di lesioni cutanee.

Le lesioni sono inizialmente rossastre e papulari simili ai geloni. Successivamente, nell'arco di circa 1 settimana diventano più purpurici e appiattiti. Infine, sembrano risolversi da soli senza richiedere alcun trattamento. 
Le lesioni cutanee non erano molto sintomatiche. La maggior parte dei pazienti non presentava sintomi di coronavirus e presentava febbre lieve o congestione. Tranne il paziente più anziano (91 anni), nessuno di loro presentava significative condizioni respiratorie ed erano generalmente in buona salute.Queste lesioni potrebbero essere una manifestazione tardiva di COVID-19 e quando ci si trova di fronte a questo tipo di lesioni si consiglia di esplorare possibili contatti con COVID-19, e in ogni caso indagare sull'esistenza di febbre o raffreddore nelle settimane precedenti l'apparizione di lesioni cutanee.

 Landa, N., Mendieta‐Eckert, M., Fonda‐Pascual, P. and Aguirre, T. (2020), C

hilblain‐like lesions on feet and hands during the COVID‐19 Pandemic.

Int J Dermatol, 59: 739-743.

https://doi.org/10.1111/ijd.14937

Tieniti aggiornato sull'argomento. Accedi al portale dedicato

Pubblicato il 22/6/2020