Trattamento della sindrome da distress respiratorio acuto (ARDS)

Sanità pubblica | Redazione DottNet | 25/09/2020 11:30

La pandemia COVID-19 ha rafforzato la cognizione che il trattamento della causa di fondo della sindrome da distress respiratorio acuto (ARDS) è essenziale per migliorare i risultati.

Nei pazienti ricoverati, il trattamento di SARS-Cov-2 con Remdesivir riduce il tempo di recupero. Tuttavia, l'utilità di questo farmaco nei pazienti che necessitano di ventilazione meccanica rimane incerta, e sono necessarie ulteriori prove. Lo studio RECOVERY ha dimostrato un miglioramento della sopravvivenza a seguito di trattamento con desametasone in pazienti COVID-19 che richiedono ossigeno o ventilazione meccanica. Più recentemente sono stati pubblicati altri tre studi clinici, randomizzati, e una meta-analisi, tutti a conferma di un effetto benefico dei corticosteroidi in corso di COVID-19 grave. L'OMS ha pubblicato linee guida che raccomandano l'uso di corticosteroidi in tali pazienti. Questi risultati osservati nei pazienti con COVID-19 contrastano con quelli di studi precedenti con corticosteroidi in corso di ARDS da altre cause, in cui decenni di ricerca hanno portato a risultati contrastanti e poco consenso. Tuttavia, RECOVERY ha dimostrato che studi pragmatici sono possibili durante una pandemia e possono fornire rapidamente risposte pratiche a importanti problemi clinici. Gli studi in corso stanno testando altre terapie, tra cui anticoagulanti, plasma di convalescenti, anticorpi monoclonali e agenti immunomodulatori. Nonostante i rapidi progressi, molto resta da imparare sulle terapie delle forme gravi di COVID-19.

L. Bos, D. Brodie, C. Calfee

Severe COVID-19 Infections— Knowledge Gained and Remaining Questions

JAMA Intern Med. Published online September 18, 2020 (Editorial)

DOI: https://jamanetwork.com/journals/jamainternalmedicine/fullarticle/2770931

Tieniti aggiornato sull'argomento. Accedi al portale dedicato

Pubblicato il 02/10/2020