Vaccini SARS-CoV-2 inattivati

Sanità pubblica | Redazione DottNet | 06/11/2020 10:39

Il Wuhan Institute of Biological Products (WIBP) ha sviluppato un vaccino inattivato SARS-Cov-2, che la società statale cinese Sinopharm ha valutato in studi clinici di cui sono stati tempo fa pubblicati i primi risultati.

Sinopharm ha anche iniziato a testare un secondo vaccino inattivato, questo sviluppato dal Beijing Institute of Biological Products (BIBP): i risultati di questo studio di fase 1/2 sono stati pubblicati di recente. Nella fase 1, 192 partecipanti sono stati arruolati e assegnati casualmente a ricevere placebo o vaccino (2 μg , 4 μg o 8 μg per entrambe le fasce di età studiate: 18-59 anni e >60 anni). Nel 29% degli arruolati è stata segnalata almeno una reazione avversa nei primi 7 giorni dopo l’inoculazione: quella sistemica più comune era la febbre. Tutte le reazioni avverse erano lievi o moderate. I titoli medi geometrici degli anticorpi neutralizzanti sono stati determinati utilizzando il virus infettante SARS-Cov-2 (ceppo 19nCoV-Cdctan-Strain04) ed erano più alti al giorno 42 sia nel gruppo di età 18-59 anni e che in quello di età >60 anni, rispetto al gruppo placebo (vedi figura). Nella fase 2, 448 partecipanti sono stati assegnati casualmente a ricevere il vaccino a diversi dosaggi e schedule. L’immunizzazione con 4 μg di vaccino secondo schedule a due dosi, ai giorni 0 e 21 o ai giorni 0 e 28, ha prodotto titoli di anticorpi neutralizzanti più elevati di quelli indotti dalla singola dose di 8 μg. Il vaccino inattivato era immunogenico e ben tollerato a tutte le dosi testate

Shengli Xia, Yuntao Zhang, Yanxia Wang et al

Safety and immunogenicity of an inactivated SARS-CoV-2 vaccine, BBIBP-CorV: a randomised, double-blind, placebo-controlled, phase 1/2 trial

Lancet Published online October 15, 2020

https://doi.org/10.1016/S1473-3099(20)30831-8

Tieniti aggiornato sull'argomento. Accedi al portale dedicato

Pubblicato il 10/11/2020