COVID-19 nella letteratura recente

Sanità pubblica | Redazione DottNet | 09/04/2021 17:27

Nel 2020, la pandemia COVID-19 ha determinato un forte aumento della consultazione degli articoli pubblicati sulle principali riviste mediche, soprattutto delle pubblicazioni relative al COVID-19.

Per valutare i cambiamenti nella lettura di articoli medici, questo studio trasversale ha esaminato le consultazioni di articoli pubblicati da importanti tre riviste di medicina generale in lingua inglese – JAMA, The New England Journal of Medicine (NEJM) e BMJ – da gennaio a luglio del 2019 e del 2020, comprendendo tutti i tipi di articoli. Sebbene il numero totale di pubblicazioni originali di ricerca non riferite al COVID-19 sulle tre riviste sia diminuito durante la pandemia, il numero di letture per articolo è rimasto costante, il che implica che i singoli articoli originali di ricerca non-COVID-19 hanno ricevuto la stessa attenzione di prima della pandemia. Però la pandemia può aver influenzato negativamente una base più ampia di evidenze scientifiche, dato che è stato pubblicato un minor numero di articoli non COVID-19. Questo studio inizia ad affrontare la questione di come la pandemia COVID-19 possa aver ridotto l’attenzione verso altre malattie nella letteratura medica.

Andrew J. Giustini, Alan R. Schroeder, David M. Axelrod

Trends in Views of Articles Published in 3 Leading Medical Journals During the COVID-19 Pandemic

JAMA Network Open Published: April 1, 2021

DOI: https://jamanetwork.com/journals/jamanetworkopen/fullarticle/2778084

Tieniti aggiornato sull'argomento. Accedi al portale dedicato

Pubblicato il 13/04/2021