Descritte per la prima volta le caratteristiche istologiche dell'ostruzione urinaria nell'uomo

Urologia | Andrea Militello | 10/12/2019 15:48

Un gruppo di ricerca dell'Università di Medicina di Vienna ha descritto con successo le caratteristiche istologiche dell'ostruzione urinaria nell'uomo per la prima volta. Utilizzando questi risultati ottenuti da pazienti con trapianto di rene, potrebbe essere possibile, in futuro, identificare complicanze potenzialmente pericolose a seguito di un trapianto di rene in una fase precedente e quindi fornire un trattamento tempestivo.

Complicanze urologiche ostruttive possono verificarsi a seguito di un trapianto di rene e possono causare ostruzione urinaria e successivamente insufficienza allotrapianto. Queste complicanze comprendono il restringimento dell'uretere, una perdita tra l'uretere e la vescica urinaria o un ematoma che comprime il trapianto o il tratto urinario efferente. Sebbene questo possa essere normalmente rilevato dagli ultrasuoni, nei primi mesi successivi a un trapianto di rene questo test non è sempre sufficientemente conclusivo dal punto di vista diagnostico per rilevare ostruzioni urinarie. Laddove non esiste una chiara diagnosi di funzionalità renale limitata a seguito di un trapianto, è quindi essenziale stabilire una causa patoistologica di una biopsia renale per stabilire la causa in modo da poter iniziare un trattamento adeguato.

Il presente studio ha consentito al gruppo di studio, guidato da Zeljko Kikic, di descrivere un fenotipo istologico specifico associato a tali complicanze urologiche ostruttive.

Lo studio ha comportato l'esame di biopsie da 976 pazienti con trapianto di rene. In particolare, stavano cercando la presenza di "ectasia tubulare", ovvero distensione dei tubuli renali. Kikic afferma: "Questi cambiamenti sono stati osservati nei precedenti modelli animali in cui è stata stimolata un'ostruzione urinaria. Volevamo quindi indagare se ciò si verifica anche nell'uomo". Inoltre, sono stati analizzati ulteriori cambiamenti nei tubuli renali (tubuli) e i risultati sono stati correlati con l'esistenza di comprovate complicanze urologiche ostruttive.

I ricercatori di MedUni Vienna hanno ora mappato e descritto caratteristiche esatte che indicano un'ostruzione urinaria. "Questi risultati possono essere utilizzati per la diagnosi precoce di ostruzioni urinarie occulte, in modo che i pazienti possano ricevere il trattamento necessario più rapidamente", afferma Bojic. I risultati sono stati pubblicati sulla principale rivista "Transplantation" e presentati alla conferenza internazionale della Banff Foundation a Pittsburgh. Questa fondazione sta giocando un ruolo importante nella stesura delle linee guida internazionali sul rifiuto di allotrapianto.

L'articolo è un esempio di collaborazione interdisciplinare di successo alla MedUni Vienna. Numerosi dipartimenti e istituti (Medicina interna III/Divisione di Nefrologia e dialisi, Chirurgia/Divisione di trapianti, Urologia, Medicina d'urgenza e Dipartimento di patologia) stanno collaborando sia nel campo scientifico che nella cura quotidiana delle mutue pazienti che hanno subito un'operazione di trapianto di rene.

Fonte: Medical University of Vienna - Bojic, M. et al. (2019) Tubular Ectasia in Renal Allograft Biopsy - Associations with Occult Obstructive Urological Complications. Transplantationdoi.org/10.1097/TP.0000000000002699.

 

Ultime News