La rosacea colpisce tre milioni d'italiani. Forte impatto sulla qualità di vita

Dermatologia | Redazione DottNet | 05/11/2020 15:01

A puntare i riflettori su questa malattia infiammatoria e cronica della pelle sono i dermatologi della SIDeMaST

È considerata la Cenerentola della malattie della pelle. La rosacea - soprannominata "sindrome di Rembrandt" dal celebre pittore olandese che ne soffriva come personaggi famosi dei giorni nostri, da Bill Clinton a Cameron Diaz - impatta sulla qualità di vita ma è spesso sottovalutata.  Nella fase iniziale è infatti confusa con la couperose e il rossore che compare viene minimizzato; ma quando si manifesta con papule, pustole e ispessimento della pelle, acquisisce le caratteristiche di una patologia, condizionando a livello sociale e lavorativo.  A puntare i riflettori su questa malattia infiammatoria e cronica della pelle che in Italia colpisce oltre 3 milioni di persone,sono i dermatologi della SIDeMaST, la Società Italiana di Dermatologia medica, chirurgica, estetica e delle Malattie Sessualmente Trasmesse, al 94esimo congresso, in versione digitale. Le cause della rosacea sono ancora poco chiare e l'unico segno distintivo alla base è l'infiammazione. Esistono diverse armi in grado di migliorare la condizione clinica.

L'imperativo è diagnosticare e trattare la malattia prima possibile per evitare che dal sottotipo più lieve si passi a quello più grave.La malattia coinvolge soprattutto naso, guance e palpebre. Si va dal "flushing" temporaneo della parte centrale del viso a forme più persistenti. "L'eritema centro facciale - spiega il professor Giuseppe Monfrecola, Università di Federico II di Napoli - interessa il naso, la parte alta degli zigomi, talvolta c'è una compartecipazione delle palpebre, con un arrossamento persistente e venuzze che si dilatano a causa del sole, del caldo e anche delle alterazioni degli stati emotivi. Cibi piccanti e alcol possono influire". Alla base dell'infiammazione, aggiunge, "c'è un malfunzionamento del sistema immunitario e di un piccolo microrganismo il demodex follicolorum che nei soggetti con rosacea esiste in quantità superiori". Ci sono prodotti che permettono di "mascherare" il "flushing", il rossore temporaneo: un camouflage, non curativo.  Si può ricorrere a Laser vascolari e vi sono terapie farmacologiche. L'importante è usare i dermocosmetici al mattino, e la sera la terapia farmacologica. 

Ultime News