Il ruolo degli integratori nelle malattie cardiovascolari. Linee guida della Us preventive

Nutrizione | Redazione DottNet | 27/06/2022 17:46

Nelle giuste circostanze, gli integratori hanno benefici per la salute

Più della metà degli adulti assume integratori alimentari e si prevede che l'uso di integratori negli Stati Uniti aumenterà1 , 2 Nel 2021, le persone negli Stati Uniti hanno speso circa 50 miliardi di dollari in integratori alimentari e l'industria degli integratori alimentari ha speso circa 900 milioni di dollari in marketing. 2

Il fascino degli integratori è evidente. In teoria, vitamine e minerali hanno effetti antiossidanti e antinfiammatori che dovrebbero ridurre lo sviluppo di malattie cardiovascolari e cancro. Mangiare frutta e verdura è associato a una diminuzione delle malattie cardiovascolari e del rischio di cancro. 3 , 4 È ragionevole pensare che le vitamine ei minerali chiave potrebbero essere estratti da frutta e verdura, confezionati in una pillola, e le persone potrebbero evitare la difficoltà e la spesa di mantenere una dieta equilibrata. Il motivo più comune per cui le persone riferiscono di assumere integratori è per migliorare o mantenere la salute generale. 5Tuttavia, frutta e verdura intera contengono una miscela di vitamine, sostanze fitochimiche, fibre e altri nutrienti che probabilmente agiscono in sinergia per fornire benefici per la salute. I micronutrienti isolati possono agire in modo diverso nel corpo rispetto a quando sono confezionati naturalmente con una miriade di altri componenti dietetici6

Nelle giuste circostanze, gli integratori hanno benefici per la salute. Le carenze di vitamine e minerali causano una miriade di malattie. Per le persone che sono o potrebbero rimanere incinte, si raccomanda l'acido folico per prevenire i difetti del tubo neurale e il ferro per prevenire il parto pretermine e il basso peso alla nascita, oltre a migliorare lo sviluppo cerebrale del feto. 7 , 8

Per gli adulti sani e non gravidi, la US Preventive Services Task Force (USPSTF) ha aggiornato la sua raccomandazione sull'uso di integratori per prevenire le malattie cardiovascolari o il cancro. 9 Questa raccomandazione aggiornata si basa su un nuovo rapporto di evidenza e revisione sistematica, entrambi in questo numero di JAMA , di 84 studi, inclusi 52 nuovi studi dall'ultima raccomandazione USPSTF su questo argomento nel 2014. 10L'USPSTF ha concluso che le prove attuali non sono sufficienti per valutare l'equilibrio tra benefici e danni dell'uso di integratori multivitaminici, integratori singoli o integratori più accoppiati per la prevenzione delle malattie cardiovascolari o del cancro (affermazione I). L'USPSTF sconsiglia specificamente l'uso di integratori di beta carotene per la prevenzione delle malattie cardiovascolari o del cancro (raccomandazione D) a causa di un possibile aumento del rischio di mortalità, mortalità cardiovascolare e cancro ai polmoni. L'USPSTF sconsiglia inoltre specificamente l'uso di integratori di vitamina E per la prevenzione delle malattie cardiovascolari o del cancro (raccomandazione D) perché probabilmente non ha alcun beneficio netto nel ridurre la mortalità, le malattie cardiovascolari o il cancro.

Per i multivitaminici, dimostrare l'assenza di un beneficio è impegnativo e un'affermazione non è una raccomandazione a favore o contro l'uso. Tuttavia, nella migliore delle ipotesi, le prove attuali suggeriscono che qualsiasi potenziale beneficio di un multivitaminico sulla riduzione della mortalità è probabilmente piccolo. Ad esempio, per una donna sana di 65 anni, che ha un rischio di mortalità stimato a 9 anni di circa l'8,0%, l'assunzione di un multivitaminico per 5-10 anni potrebbe ridurre il rischio di mortalità stimato al 7,5% (basato su un odds ratio di 0,94). Oltre a mostrare un piccolo beneficio potenziale, questa stima si basa su prove imperfette, è imprecisa ed è altamente sensibile al modo in cui i dati vengono interpretati e analizzati. L'evidenza disponibile è limitata dall'eterogeneità dei multivitaminici studiati, dai brevi tempi di follow-up e dai campioni di studio non diversificati.

La consulenza sullo stile di vita per prevenire le malattie croniche nei pazienti dovrebbe continuare a concentrarsi su approcci basati sull'evidenza, comprese diete equilibrate ad alto contenuto di frutta e verdura e attività fisica. Tuttavia, un'alimentazione sana può essere una sfida quando il sistema alimentare industrializzato statunitense non dà priorità alla salute e gli alimenti sani tendono ad essere più costosi, causando problemi di accesso e insicurezza alimentare. A livello di paziente, lo screening per l'insicurezza alimentare e il collegamento delle famiglie colpite alle risorse pubbliche e comunitarie sono essenziali per un'equa prevenzione delle malattie croniche. A livello locale, le organizzazioni comunitarie devono avere il supporto per integrare la promozione della salute nei loro servizi mentre affrontano i bisogni delle popolazioni svantaggiate. A livello di governo,

È importante sottolineare che le attuali raccomandazioni dell'USPSTF non si applicano al preconcepimento o all'assistenza correlata alla gravidanza. Sebbene la task force abbia raccomandato separatamente che tutte le persone in grado di o pianificando una gravidanza assumano da 0,4 a 0,8 mg di acido folico al giorno, dati affidabili sui potenziali benefici dell'integrazione multivitaminica aggiuntiva nella prevenzione delle complicanze cardiovascolari della gravidanza (p. es., disturbi ipertensivi della gravidanza) associati con rischio a lungo termine di malattie cardiovascolari sono carenti. 7 , 11Determinare se e come l'integrazione con altri nutrienti singoli o combinati prima e durante la gravidanza possa modificare il rischio di questi esiti avversi della gravidanza potrebbe avere importanti implicazioni per gli sforzi di prevenzione delle malattie cardiovascolari. Indipendentemente dall'uso di multivitaminici, la promozione degli sforzi di prevenzione primordiale e primaria che ottimizzino la salute cardiovascolare nelle prime fasi della vita dovrebbe essere una pietra angolare della prevenzione delle malattie cardiovascolari.

Il consistente budget di marketing dell'industria degli integratori genera interesse, attenzione e miliardi di dollari di entrate. La maggior parte delle persone vede gli integratori come, nel peggiore dei casi, prodotti preventivi benigni. Tuttavia, negli Stati Uniti, gli integratori alimentari sono relativamente non regolamentati e tenuti a negare che le indicazioni sulla salute "non sono state valutate dalla Food and Drug Administration" e "non sono intese a diagnosticare, trattare, curare o prevenire alcuna malattia". I danni reali degli integratori non sono studiati così a fondo come quelli dei prodotti farmaceutici. 12 Molti pazienti non segnalano l'uso di integratori alimentari, il che porta a perdere l'opportunità di discutere i problemi di sicurezza con i pazienti. 13

Al di là dei soldi sprecati, l'attenzione agli integratori potrebbe essere vista come una distrazione potenzialmente dannosa. Piuttosto che concentrare denaro, tempo e attenzione sugli integratori, sarebbe meglio enfatizzare le attività a basso rischio e con maggiori benefici. Gli sforzi individuali, di salute pubblica, di politica pubblica e civici dovrebbero concentrarsi sul sostegno alle persone nelle cure preventive regolari, 14 , 15 seguendo una dieta sana, fare esercizio, mantenere un peso sano ed evitare di fumare. I sistemi sanitari e gli operatori sanitari dovrebbero concentrarsi sui servizi di prevenzione basati sull'evidenza raccomandati dall'USPSTF, incluso il controllo dell'ipertensione e la consulenza comportamentale per incoraggiare l'attività fisica e una dieta sana. 14 , 15

Fonte: Jama

 

Riferimenti

1. Mishra S, Stierman B, Gahche JJ, Potischman N. Uso di integratori alimentari tra gli adulti: Stati Uniti, 2017-2018. Riassunto dei dati dell'NCHS. Centro nazionale di statistica sanitaria; 2021. doi: 10.15620/cdc:101131

2. Rapporto sul mercato degli integratori alimentari del Nord America, 2021-2028. Accesso il 26 maggio 2022. https://www.grandviewresearch.com/industry-analysis/north-america-dietary-supplements-market

3. Arnett DK, Blumenthal RS, Albert MA, et al 2019 ACC/AHA linee guida sulla prevenzione primaria delle malattie cardiovascolari: un rapporto dell'American College of Cardiology/American Heart Association Task Force on Clinical Practice Guidelines.  Circolazione  . 2019;140(11). doi: 10.1161/CIR.0000000000000678Google ScholarRiferimento incrociato

4. Aune D, Giovannucci E, Boffetta P, et al. L'assunzione di frutta e verdura e il rischio di malattie cardiovascolari, cancro totale e mortalità per tutte le cause: una revisione sistematica e una meta-analisi dose-risposta di studi prospettici.  Epidemia Int  J. 2017;46(3):1029-1056. doi: 10.1093/ije/dyw319PubMedGoogle ScholarRiferimento incrociato

5. Bailey RL, Gahche JJ, Miller PE, Thomas PR, Dwyer JT. Perché gli adulti statunitensi usano integratori alimentari. JAMA   Stagista Med . 2013;173(5):355-361. doi: 10.1001/jamainternmed.2013.2299
ArticoloPubMedGoogle ScholarRiferimento incrociato

6. Alissa EM, Felci GA. Rischio di frutta e verdura dietetica e malattie cardiovascolari. Crit   Rev Food Sci Nutr . 2017;57(9):1950-1962. doi: 10.1080/10408398.2015.1040487PubMedGoogle ScholarRiferimento incrociato

7. Bibbins-Domingo K, Grossman DC, Curry SJ, et al; Task Force sui servizi preventivi degli Stati Uniti. Supplementazione di acido folico per la prevenzione dei difetti del tubo neurale: dichiarazione di raccomandazione della US Preventive Services Task Force.  GIAMA  . 2017;317(2):183-189. doi: 10.1001/jama.2016.19438
ArticoloPubMedGoogle ScholarRiferimento incrociato

8. Comitato per i bollettini di pratica dell'American College of Obstetricians and Gynecologists: Ostetricia. Anemia in gravidanza: Bollettino delle pratiche ACOG, numero 233.   Obstet Gynecol . 2021;138(2):e55-e64. doi: 10.1097/AOG.0000000000004477PubMedGoogle ScholarRiferimento incrociato

9. Task Force sui servizi preventivi degli Stati Uniti. Integrazione di vitamine, minerali e multivitaminici per prevenire le malattie cardiovascolari e il cancro: dichiarazione di raccomandazione della US Preventive Services Task Force.  GIAMA  . Pubblicato il 21 giugno 2022. doi: 10.1001/jama.2022.8970
ArticoloGoogle Scholar

10. O'Connor EA, Evans CV, Ivlev I, et al. Integratori vitaminici e minerali per la prevenzione primaria delle malattie cardiovascolari e del cancro: rapporto di evidenza aggiornato e revisione sistematica per la US Preventive Services Task Force.  GIAMA  . Pubblicato il 21 giugno 2022. doi: 10.1001/jama.2021.15650
ArticoloGoogle Scholar

11. Ipertensione gestazionale e preeclampsia. Accesso il 26 maggio 2022. https://www.acog.org/clinical/clinical-guidance/practice-bulletin/articles/2020/06/gestational-hypertension-and-preeclampsia

12. Bianco CM. Gli integratori alimentari rappresentano un vero pericolo per i pazienti. Ann   Farmacotera . 2020;54(8):815-819. doi: 10.1177/1060028019900504PubMedGoogle ScholarRiferimento incrociato

13. Tarn DM, Karlamangla A, Coulter ID, et al. Uno studio trasversale delle caratteristiche del fornitore e del paziente associate alle rivelazioni ambulatoriali dell'uso di integratori alimentari. Pazienti   Educazione Consigli . 2015;98(7):830-836. doi: 10.1016/j.pec.2015.03.020PubMedGoogle ScholarRiferimento incrociato

14. Liss DT, Uchida T, Wilkes CL, Radakrishnan A, Linder JA. Controlli sanitari generali nelle cure primarie degli adulti: una rassegna.  GIAMA  . 2021;325(22):2294-2306. doi: 10.1001/jama.2021.6524
ArticoloPubMedGoogle ScholarRiferimento incrociato

15. Task Force sui servizi preventivi degli Stati Uniti. Accesso il 26 maggio 2022. https://www.uspreventiveservicestaskforce.org/uspstf/

 

 

Ultime News