Il javascript risulta disabilitato nel browser.
Per una corretta navigazione abilita il javascript nel browser
e aggiorna la pagina.
Per eventuali informazioni puo contattare il numero 800.014.863
oppure può scrivere una mail all'indirizzo redazione@merqurio.it

C'è un legame tra influenza e altri virus e un rischio elevato di avere una malattia neurodegenerativa

Neurologia | Redazione DottNet | 24/01/2023 18:30

Studio pubblicato su Nature: morbo di Alzheimer o il morbo di Parkinson nella vecchiaia favoriti dalla frequenza di infezioni virali

Un'analisi di circa 450.000 cartelle cliniche elettroniche ha trovato un legame tra le infezioni da influenza e altri virus comuni e un rischio elevato di avere una condizione neurodegenerativa come il morbo di Alzheimer o il morbo di Parkinson più avanti nella vita. Ma i ricercatori avvertono che i dati mostrano solo una possibile connessione e che non è ancora chiaro come o se le infezioni scatenino l'insorgenza della malattia.

L'analisi, pubblicata su Neuron il 19 gennaio 1 , ha trovato almeno 22 collegamenti tra infezioni virali e malattie neurodegenerative. Alcune delle esposizioni virali sono state associate a un aumento del rischio di malattie cerebrali fino a 15 anni dopo l'infezione. "È sorprendente quanto sembrino diffuse queste associazioni, sia per il numero di virus che per il numero di malattie neurodegenerative coinvolte", afferma Matthew Miller, immunologo virale presso la McMaster University di Hamilton, in Canada.

Questa non è la prima volta che i virus sono stati collegati a malattie neurodegenerative. Ad esempio, l'infezione da un tipo di virus dell'herpes è stata associata allo sviluppo dell'Alzheimer 2 . E uno studio fondamentale pubblicato su Science 3 lo scorso anno ha trovato la prova più forte che il virus Epstein-Barr sia legato alla sclerosi multipla. Ma molti di questi studi passati hanno esaminato solo un singolo virus e una specifica malattia del cervello.

Per capire se i virus sono collegati alle malattie del cervello in modo più ampio, Kristin Levine, una scienziata di dati biomedici presso il Centro per le demenze correlate all'Alzheimer degli Stati Uniti del National Institutes of Health a Bethesda, nel Maryland, e i suoi colleghi hanno analizzato centinaia di migliaia di cartelle cliniche per cercare casi in cui una persona presentava sia un'infezione virale che una malattia cerebrale.

In primo luogo, il team ha esaminato i record di circa 35.000 persone con malattie cerebrali e circa 310.000 persone senza, provenienti da FinnGen, un ampio database finlandese che include informazioni sulla salute. Il team ha trovato 45 collegamenti significativi tra infezioni e malattie cerebrali, quindi li ha testati rispetto a oltre 100.000 record di un altro database, la UK Biobank. Dopo questa analisi, sono rimasti con 22 accoppiamenti significativi.

Una delle associazioni più forti era tra l'encefalite virale, una rara infiammazione del cervello che può essere causata da più tipi di virus, e l'Alzheimer. Le persone con encefalite avevano circa 31 volte più probabilità di sviluppare l'Alzheimer più tardi nella vita rispetto alle persone che non avevano l'encefalite. La maggior parte delle altre associazioni erano più modeste: le persone che avevano avuto un attacco di influenza che aveva portato alla polmonite avevano quattro volte più probabilità di sviluppare l'Alzheimer rispetto alle persone che non avevano sviluppato l'influenza con la polmonite. Non c'erano abbinamenti che suggerissero un legame protettivo tra infezione virale e malattia cerebrale.

"Sono molto entusiasta che stiano espandendo questa ricerca più ampia di quanto altri studi abbiano esaminato", afferma Kristen Funk, neuroimmunologa dell'Università della Carolina del Nord, Charlotte, che studia il legame tra herpesvirus e Alzheimer.

Kjetil Bjornevik, epidemiologo presso la Harvard TH Chan School of Public Health di Boston, Massachusetts, e autore dell'articolo di Epstein-Barr su Science , plaude a Levine e ai suoi colleghi per aver attirato maggiore attenzione sul ruolo delle infezioni virali nelle malattie cerebrali. Ma avverte che il loro approccio all'utilizzo delle cartelle cliniche "potrebbe essere problematico" perché hanno analizzato solo le infezioni che erano abbastanza gravi da giustificare un viaggio da un medico. Prendere in considerazione infezioni più lievi potrebbe indebolire le associazioni, dice.

 I dati provengono anche quasi esclusivamente da persone di origine europea, il che significa che i risultati potrebbero non essere applicabili alla popolazione globale più ampia, afferma Funk. Inoltre, aggiunge, al di fuori dell'Europa, "alcuni virus sono più diffusi", come Zika o il virus del Nilo occidentale, quindi l'analisi potrebbe aver perso collegamenti tra questi agenti patogeni e le malattie del cervello. Levine riconosce i limiti dell'analisi; il team ha lavorato con i dati disponibili, dice.

Queste limitazioni sottolineano anche la difficoltà di districare se un'infezione virale porta a una malattia neurodegenerativa o se la malattia rende una persona più suscettibile alle infezioni, afferma Bjornevik. Per renderlo ancora più complicato, gli autori hanno scoperto che più tempo trascorreva tra l'infezione e la diagnosi di malattia cerebrale, più debole era il legame. È noto che il corpo inizia a cambiare anni prima che si sviluppino i sintomi della malattia del cervello e venga fatta una diagnosi 4 , quindi è difficile determinare quale sia la causa di quale, aggiunge. Un'altra teoria plausibile è che queste infezioni virali potrebbero accelerare i cambiamenti molecolari nel corpo che erano già in corso, afferma Cornelia van Duijn, epidemiologa genetica presso l'Università di Oxford, nel Regno Unito.

 Se gli studi futuri aggiungeranno più peso alla connessione tra infezione virale e malattia del cervello, potrebbero offrire ai funzionari sanitari un modo tangibile per ritardare l'insorgenza della malattia neurodegenerativa. Esistono vaccini per molti di questi virus, afferma van Dujin. Poiché più tipi di demenza vengono diagnosticati in tarda età - vicino all'aspettativa di vita media - se i medici potessero posticipare l'insorgenza della malattia anche di un paio d'anni, ciò potrebbe significare che molte persone potrebbero non sviluppare mai la malattia, aggiunge. "Non è molto chiaro se le infezioni stiano causando malattie cerebrali", dice. Ma le infezioni virali non sono piacevoli e se c'è qualche collegamento con le malattie del cervello, "penso che lo dobbiamo alle persone per prevenirle".

 

Fonte: Nature

 

Riferimenti

  1. Levine, KS et al. Neurone https://doi.org/10.1016/j.neuron.2022.12.029 (2023).

  2. Jamieson, GA, Maitland, JJ, Wilcock, GK, Craske, J. & Itzhaki, RF J. Med. Virolo. 33 , 224–227 (1991).

  3. Bjornevik, K. et al. Scienza 375 , 296–301 (2022).

  4. Swaddiwudhipong, N. et al. J.Alz. Assoc . https://doi.org/10.1002/alz.12802 (2022).

Ultime News