Medicina Generale
Medicina Generale
Canali Minisiti ECM

Formazione in medicina generale 2023. Schembri (FIMMG Formazione): Siamo a 80 giorni di ritardo dai termini previsti per legge

Medicina Generale Redazione DottNet | 22/05/2023 13:48

"Avremo meno Medici di Medicina Generale sul territorio, più cittadini senza Medico di Famiglia. Chiediamo pubblicazione bandi entro l’estate e concorso a novembre, con inizio effettivo entro la fine del 2023"

Già due mesi e mezzo di ritardo rispetto ai termini previsti per legge al 28 febbraio di ogni anno, data entro cui tutte le Regioni e Province Autonome avrebbero dovuto bandire gli avvisi di concorso che ogni anno portano quasi 3000 nuovi medici dentro il percorso di formazione per diventare medici di famiglia; di questi, più dell’80% già dal primo anno assumono incarichi nell’ambito della Medicina Generale, come Medici di Famiglia o di ex Guardia Medica, ma anche medici dell’Emergenza Territoriale (118) o della Medicina Penitenziaria. Eppure, nonostante l’enorme carenza di medici sul territorio, le Regioni continuano a rimanere immobili, bloccando l’iter necessario a bandire gli avvisi di concorso per il nuovo triennio del percorso di formazione specifica in medicina generale e ritardando l’ingresso dei nuovi medici.  

"Negli ultimi anni il ritardo accumulato ha portato ad un’intera annualità persa, con conseguenze disastrose sulla programmazione in un periodo in cui la gobba pensionistica è al suo apice" spiega la Segretaria Nazionale del Settore Formazione della FIMMG, Erika Schembri. "Quest’anno – continua – ci saranno circa 9000 nuovi laureati, tra le sessioni di marzo, luglio e ottobre, ma già da ora riceviamo decine di richieste ogni giorno da parte di medici già specialisti che intendono cambiare percorso professionale ed entrare nella Medicina Generale. Al precedente test di ammissione più della metà dei candidati aveva più di 40 anni e molti di loro oggi sono in attesa del bando per entrare nel Corso di Formazione specifica."  

pubblicità

"Non possiamo più permetterci un anno di ritardo per il test di ammissione al Corso di Formazione Specifica in Medicina Generale. FIMMG chiede al Ministro della Salute, Orazio Schillaci, e alla Commissione Salute della Conferenza delle Regioni, in particolar modo al suo Coordinatore Raffaele Donini e agli Assessori Regionali alla Sanità, di procedere con l’iter previsto affinché i fabbisogni vengano deliberati entro giugno da tutte le Regioni attraverso i rispettivi bandi, per consentire al Ministero della Salute di bandire il concorso entro l'estate e ai medici di sostenerlo entro novembre, con inizio delle attività entro la fine dell'anno. Accettare ulteriori giorni di ritardo significa avere sempre meno medici sul territorio e lasciare sempre più cittadini privi del proprio Medico di Famiglia." conclude Schembri.

Commenti

I Correlati

Andreoni: “Siamo di fronte a un picco estivo dei casi Covid che certamente era inatteso perché di fatto avevamo visto un progressivo scemare dei contagi. Ma proprio la nuova sottovariante, la KP.3, sta determinando questo rialzo"

Consegnati nel complesso dell’Università Federico II i diplomi agli studenti della prima edizione dell’Academy italiana del Pharma finanziata con oltre 2 milioni di euro dal Centro Nazionale di Ricerca

I controlli sulle Asl restino alle Regioni ma che in caso di inadempienze si attivi il potere sostitutivo dello Stato. Smi: superare il tetto di spesa sul personale medico

In Italia atteso 1 milione di ultranovantenni nei prossimi 3 anni. Tra 20 anni gli anziani sfioreranno i 19 milioni, un terzo saranno over-65 soli e a rischio di isolamento

Ti potrebbero interessare

L'obiettivo è intercettare forme tumorali ai primissimi stadi

I medici di famiglia della Fimmg lanciano un appello alla popolazione, in particolare alle persone anziane e fragili, affinché adottino misure precauzionali per proteggersi ed evitare di dover ricorrere al pronto soccorso

"La partecipazione della SImg arricchisce ulteriormente il già alto valore scientifico e professionale del Board, con i Medici di Medicina Generale di Simg che potranno fornire il proprio contributo"

"Lo svolgimento dell'attività non deve arrecare pregiudizio al corretto e puntuale svolgimento dei propri compiti convenzionali"