Canali Minisiti ECM

Ecco perché lo stress infiamma l'intestino: le conseguenze

Gastroenterologia Redazione DottNet | 26/05/2023 16:56

I segnali che hanno origine nel cervello si dirigono verso le cellule nervose intestinali, portando a un rilascio di sostanze chimiche infiammatorie

È noto che lo stress psicologico peggiora l'infiammazione intestinale causata da alcune malattie intestinali. Ora gli scienziati hanno scoperto perché. Una nuova ricerca 1 delinea una narrazione ampia che inizia con segnali chimici prodotti nel cervello e termina con le cellule immunitarie nell'intestino, una sequenza che crea problemi per le persone con queste condizioni.

Il lavoro, pubblicato oggi su Cell , aiuta a spiegare come lo stress cronico possa scatenare disagio fisico. E implica che la gestione dei livelli di stress potrebbe avere una profonda influenza sull'efficacia dei trattamenti per la malattia infiammatoria intestinale (IBD). Questa idea è contraria al trattamento medico convenzionale, che ha "completamente trascurato lo stato psicologico di un paziente come principale motore della [la] risposta al trattamento", afferma il coautore dello studio Christoph Thaiss, un microbiologo dell'Università della Pennsylvania a Filadelfia. .

pubblicità

Il percorso dal cervello all'intestino

Dolori addominali, diarrea e affaticamento sono solo alcuni dei sintomi che le persone affette da IBD sperimentano. I due tipi principali di IBD, la colite ulcerosa e il morbo di Crohn, sono lievi in ​​alcune persone ma, in altre, possono essere debilitanti o addirittura letali. Eventi stressanti, come la perdita del lavoro o la rottura con un partner, spesso precedono le riacutizzazioni dell'IBD. Thaiss ei suoi colleghi hanno ora rintracciato quel collegamento. Dopo un'ondata di stress, il cervello invia segnali alle ghiandole surrenali, che rilasciano sostanze chimiche chiamate glucocorticoidi nel resto del corpo.  Inizialmente, i ricercatori hanno considerato l'idea che i glucocorticoidi agissero direttamente sulle cellule immunitarie, che rispondono rilasciando molecole che causano l'infiammazione. "Ma si scopre che c'è una sorta di strato intermedio", dice Thaiss. Lavorando sui topi, hanno scoperto che i glucocorticoidi agiscono invece sui neuroni nell'intestino e sulle cellule chiamate glia che collegano i neuroni intestinali tra loro.

Cellule immunitarie cooptate

Dopo essere state attivate dai glucocorticoidi, alcune cellule gliali rilasciano molecole che attivano le cellule immunitarie. A loro volta, quelle cellule immunitarie rilasciano molecole che normalmente verrebbero utilizzate per combattere i patogeni, ma in questo caso finiscono per causare dolorose infiammazioni intestinali. Allo stesso tempo, i glucocorticoidi impediscono ai neuroni intestinali immaturi di svilupparsi completamente, hanno scoperto i ricercatori. Di conseguenza, questi neuroni producono solo bassi livelli di molecole di segnalazione che causano la contrazione dei muscoli intestinali. Ciò significa che il cibo si muove lentamente attraverso il sistema digestivo, il che si aggiunge al disagio dell'IBD.

I ricercatori sono rimasti sorpresi nell'apprendere che i glucocorticoidi causano infiammazione intestinale, perché questi composti sono talvolta usati per trattare le IBD. Questo apparente paradosso potrebbe essere spiegato dal breve lasso di tempo in cui vengono utilizzati tali trattamenti. Anche se le raffiche rapide di glucocorticoidi sembrano essere antinfiammatorie, quando lo stress diventa cronico, "il sistema cambia completamente" e i glucocorticoidi assumono un ruolo pro-infiammatorio, dice Thaiss. È una "spiegazione plausibile", afferma il gastroenterologo e immunologo John Chang dell'Università della California, a San Diego.

Gestione dello stress per alleviare i sintomi

La capacità del cervello di guidare l'infiammazione in organi remoti "sembra essere molto più forte" di quanto si pensasse prima, dice Thaiss. Ciò suggerisce che i farmaci IBD, in combinazione con le tecniche di gestione dello stress, potrebbero essere più efficaci dei farmaci da soli. Le molecole nel percorso di segnalazione che va dal cervello all'intestino potrebbero anche diventare bersagli per nuovi trattamenti farmacologici - "una possibilità entusiasmante", dice Chang. Le implicazioni del lavoro potrebbero andare oltre l'IBD. Si ritiene inoltre che lo stress aumenti le malattie infiammatorie della pelle e dei polmoni, possibilmente attraverso percorsi di segnalazione simili. Andando avanti, Thaiss è entusiasta di esplorare se stati cerebrali diversi dallo stress influenzano la salute generale di una persona. "C'è sicuramente ancora molto da imparare sul cervello e su come il cervello controlla aspetti apparentemente non correlati della fisiologia e della malattia".

Fonte: Nature

Riferimenti

  1. Schneider, KM et al. Cellulare https://doi.org/10.1016/j.cell.2023.05.001 (2023).

Commenti

I Correlati

Lo suggerisce uno studio pubblicato su Plos Mental Health che ha esaminato 12 ricerche precedenti

Gli esperti: "Cautela, ma enorme potenziale terapeutico"

Pizzoccaro: “È importante identificare questa patologia all’interno della complessità dell’organismo del paziente e delle sue interrelazioni con l’ambiente e con il network sociale”

Censis-Agenzia Nazionale dei Giovani, in parte dovuto a pandemia

Ti potrebbero interessare

Pizzoccaro: “È importante identificare questa patologia all’interno della complessità dell’organismo del paziente e delle sue interrelazioni con l’ambiente e con il network sociale”

Giodice: “Quella che vivono quotidianamente le persone affette da Esofagite Eosinofila o altre patologie gastrointestinali eosinofile è una vera e propria odissea, alla ricerca di cure, ricerca e sostegno che faticano ad arrivare da parte delle Istit

Di natura infiammatoria cronica e progressiva, è provocata da un “corto circuito” del sistema immunitario. Interessa l’esofago causandone il restringimento. La sua principale conseguenza è che diventa difficile, a volte impossibile, la deglutizione

Fino al 19 maggio AIC promuove la Settimana Nazionale della Celiachia per informare, sensibilizzare e offrire sostegno ai malati e ai loro familiari

Ultime News

Previsto anche il pagamento dei ticket, la scelta del medico e il consulto dei referti

Ci sarà un CdC hub ogni 40.000-50.000 abitanti. L’orario di attività articolato nell’arco delle 24 ore giornaliere permette alla CdC hub di svolgere funzioni di primo livello

L’accordo è stato sottoscritto dal presidente FOFI, Andrea Mandelli, e dal Gen. C.A. Vito Ferrara, e ha tra le finalità principali l’aggiornamento delle competenze professionali del personale farmacista delle Forze Armate e Arma dei Carabinieri

La Federazione nazionale degli Ordini TSRM e PSTRP esprime il proprio apprezzamento per l'attenzione riservata dal Ministero dell’università e della ricerca nei confronti delle professioni sanitarie ad essa afferenti