Il consumo di caffè e tè può essere associato a tassi ridotti di ictus e demenza

Cardiologia | Redazione DottNet | 18/11/2021 14:11

Lo rivela uno studio cinese pubblicato sulla rivista ad accesso aperto PLOS Medicine

Bere caffè o tè può essere associato a un minor rischio di ictus e demenza, secondo uno studio su individui sani di età compresa tra 50 e 74 anni pubblicato il 16 novembre sulla rivista ad accesso aperto PLOS Medicine. Bere caffè è stato anche associato a un minor rischio di demenza post-ictus.

Gli ictus sono eventi potenzialmente letali che causano il 10% dei decessi a livello globale. La demenza è un termine generale per i sintomi legati al declino delle funzioni cerebrali ed è un problema di salute globale con un elevato onere economico e sociale. La demenza post-ictus è una condizione in cui i sintomi della demenza si verificano dopo un ictus.

Yuan Zhang e colleghi della Tianjin Medical University, Tianjin, Cina, hanno studiato 365.682 partecipanti della Biobanca del Regno Unito, che sono stati reclutati tra il 2006 e il 2010 e li hanno seguiti fino al 2020. All'inizio i partecipanti hanno auto-riferito il loro consumo di caffè e tè. Durante il periodo di studio, 5.079 partecipanti hanno sviluppato demenza e 10.053 hanno avuto almeno un ictus.

Le persone che bevevano 2-3 tazze di caffè o 3-5 tazze di tè al giorno o una combinazione di 4-6 tazze di caffè e tè avevano la più bassa incidenza di ictus o demenza. Gli individui che bevevano 2-3 tazze di caffè e 2-3 tazze di tè al giorno avevano un rischio di ictus inferiore del 32% (HR, 0,68, 95% CI, 0,59-0,79; P <0,001) e un rischio di demenza inferiore del 28% (HR, 0,72, IC 95%, 0,59-0,89; P = 0,002) rispetto a coloro che non hanno bevuto né caffè né tè. Anche l'assunzione di caffè da sola o in combinazione con il tè è stata associata a un minor rischio di demenza post-ictus.

La UK Biobank riflette un campione relativamente sano rispetto alla popolazione generale che potrebbe limitare la capacità di generalizzare queste associazioni. Inoltre, relativamente poche persone hanno sviluppato demenza o ictus, il che può rendere difficile estrapolare i tassi con precisione a popolazioni più grandi. Infine, mentre è possibile che il consumo di caffè e tè possa essere protettivo contro ictus, demenza e demenza post-ictus, questa causalità non può essere dedotta dalle associazioni.Gli autori aggiungono: "I nostri risultati hanno suggerito che il consumo moderato di caffè e tè separatamente o in combinazione era associato a un minor rischio di ictus e demenza".

 

fonte: world pharma news

Ultime News