Il javascript risulta disabilitato nel browser.
Per una corretta navigazione abilita il javascript nel browser
e aggiorna la pagina.
Per eventuali informazioni puo contattare il numero 800.014.863
oppure può scrivere una mail all'indirizzo redazione@merqurio.it

Contro il melanoma avanzato via libera da Ue alla doppia immunoterapia

Farmaci | Redazione DottNet | 23/09/2022 16:45

Il duplice trattamento immunoterapico è a dose fissa di nivolumab e relatlimab

La Commissione Europea ha approvato per il trattamento di prima linea del melanoma avanzato (non resecabile o metastatico) negli adulti e negli adolescenti di età pari o superiore a 12 anni con espressione tumorale del PD-L1 < 1% un duplice trattamento immunoterapico a dose fissa di nivolumab e relatlimab. Lo annuncia l'azienda Bristol Myers Squibb.   La decisione della Commissione Europea si basa su un'analisi esploratoria dei risultati dello studio di Fase 2/3 Relativity-047, in cui l'associazione a dose fissa di nivolumab e relatlimab ha più che raddoppiato la sopravvivenza mediana libera da progressione rispetto alla monoterapia con nivolumab.  "L'associazione a dose fissa di nivolumab e relatlimab è ora la prima associazione di nivolumab con un anticorpo anti LAG-3, relatlimab, approvata nell'Unione Europea per il melanoma avanzato - sottolinea Samit Hirawat, executive vice president, chief medical officer, Global Drug Development, in Bristol Myers Squibb- lo studio Relativity-047 ha dimostrato l'importante vantaggio di inibire sia il LAG-3 che il PD-1 con la nuova associazione immunoterapica". L'approvazione della Commissione Europea in tutti gli Stati membri dell'Unione, oltre che in Islanda, Liechtenstein e Norvegia.

Ultime News