Canali Minisiti ECM

“Psicofarmacologia clinica in età evolutiva”, a Cagliari il convegno congiunto SINPIA-SINPF

Psichiatria Redazione DottNet | 25/05/2023 13:36

Il Convegno di Cagliari è un’occasione di confronto tra esperti nazionali e internazionali, attraverso un dialogo attivo e stimolante, per continuare a implementare e diffondere le conoscenze sulle principali classi di farmaci utilizzati in psichiatr

Il Convegno di Cagliari è un’occasione di confronto tra esperti nazionali e internazionali, attraverso un dialogo attivo e stimolante, per continuare a implementare e diffondere le conoscenze sulle principali classi di farmaci utilizzati in psichiatria

Neuropsichiatri infantili, psichiatri e farmacologi, oggi e domani riuniti a Cagliari per la seconda edizione del Convegno congiunto della SINPIA, Società Italiana di Neuropsichiatria dell'Infanzia e dell'Adolescenza insieme a SINPF, Società Italiana di NeuroPsicoFarmacologia. L'incontro scientifico, dal titolo "Psicofarmacologia clinica in età evolutiva: efficacia, sicurezza e implicazioni di trattamento nelle successive età della vita", è dedicato alla memoria del Prof. Alessandro Zuddas, già vicepresidente SINPIA, ideatore della prima edizione e prematuramente scomparso lo scorso 9 Luglio. 

"E’ per noi un onore aver promosso la seconda edizione del convegno ideato dal Prof. Zuddas – dichiara la Prof.ssa Elisa Fazzi, Presidente della Società Italiana di Neuropsichiatria dell’Infanzia e dell’Adolescenza, SINPIA e Direttore della U.O. Neuropsichiatria dell’Infanzia e dell’Adolescenza ASST Spedali Civili e Università di Brescia – e raccoglierne così la sua eredità culturale portando avanti i suoi progetti e idee. Il suo ricordo è vivo tra noi, colleghi e amici, e questo mese abbiamo voluto dedicargli un numero monografico della nostra rivista GINPEE, Giornale Italiano di Neuropsichiatria dell'Età Evolutiva". 

pubblicità

Il Convegno di Cagliari è un’occasione di confronto tra esperti nazionali e internazionali, attraverso un dialogo attivo e stimolante, per continuare a implementare e diffondere le conoscenze sulle principali classi di farmaci utilizzati in psichiatria in una prospettiva trasversale di Neurosviluppo, e per definire le migliori strategie terapeutiche che rispondano ai bisogni ancora inevasi per la psichiatria delle diverse età della vita. 

"Le terapie farmacologiche in età evolutiva – sottolinea la Dott.ssa Sara Carucci, Coordinatrice del gruppo di ricerca in Psicofarmacologia dell’età evolutiva della SINPF, segretaria della sezionale nazionale della sezione di psichiatria SINPIA e Dirigente medico presso la Clinica di Neuropsichiatria dell’Infanzia e dell’Adolescenza dell’Ospedale Pediatrico Microcitemico "Antonio Cao" di Cagliari  - vengono ancora percepite con eccessivo timore dagli specialisti prescrittori che talora fanno un eccessivo ricorso alle terapie off-label o si affidano a modelli farmacologici poco aggiornati. L’inefficacia clinica e gli effetti indesiderati correlabili a scelte terapeutiche non definite sugli specifici bisogni dei pazienti, possono essere origine di pesanti conseguenze nelle successive età della vita. E’ pertanto fondamentale tutelare la salute psichica dei minori attraverso un’adeguata conoscenza delle risorse farmacologiche disponibili, all’interno di protocolli clinici controllati e sicuri". 

Durante l’età evolutiva il bambino va incontro a continui cambiamenti in relazione al rapido sviluppo fisico, comportamentale, affettivo e cognitivo e sia l’infanzia, che l’adolescenza in particolare, rappresentano un periodo di grande vulnerabilità dal punto di vista neurobiologico in cui il sistema nervoso centrale è particolarmente sensibile all’influenza reciproca di fattori genetici e ambientali. "Lo sviluppo delle competenze che consentono un adeguato funzionamento globale – evidenzia il Dott. Gabriele Masi, Direttore U.O. Complessa di Psichiatria e Psicofarmacologia dell’Età Evolutiva, IRCCS Fondazione Stella Maris di Pisa e membro della SINPIA - avviene attraverso un’interazione continua e dinamica tra le singole funzioni emergenti, il patrimonio genetico e le influenze dell’ambiente che possono determinare sia il consolidamento dei disturbi del Neurosviluppo ad esordio in età infantile, che l’insorgenza di altri disturbi psichiatrici ad esordio precoce tra i quali, in particolare, disturbi depressivi, disturbo bipolare e schizofrenia". 

"Alla luce della significativa tendenza di incremento della prevalenza della patologia psichiatrica in età evolutiva con le problematiche ulteriormente amplificate sia per frequenza che per intensità a seguito dello scenario emergenziale pandemico, è comprensibile quanto sia importante identificare precocemente tali disturbi, conoscere la differente espressività sintomatologica nelle varie fasi di vita e prendersi cura della salute neuropsichica dei giovani adolescenti, adulti di domani, con tutti gli strumenti di cura disponibili, incluse le terapie farmacologiche", conclude Elisa Fazzi.

I lavori del Convegno inizieranno con un simposio dedicato alle dipendenze comportamentali nel bambino e dell’adulto (Dott. Berloffa, Pisa e Prof. Pistis, Cagliari) e proseguiranno con le sessioni dedicate alle diverse classi farmacologiche inclusi D2 Bloccanti e modulanti, stimolanti e non stimolanti, SSRI, antagonisti serotoninergici e glutamatergici, stabilizzanti dell’umore e farmaci per i disturbi del sonno. 

Le due giornate di lavoro vedranno la presenza di esperti di calibro internazionale quali il Prof. Coghill (Melbourne), il Prof. Stringaris (Londra) il Prof. Samuele Cortese (Southampton) e la Prof.ssa Di Martino (New York) e ospiteranno le lectio introduttive del Prof. Biggio  e della Prof.ssa Melis,  Farmacologici afferenti al Dipartimento di Scienze Biomediche dell’Università di Cagliari, che affronteranno rispettivamente i temi "l’Influenza dell’ambiente alla evoluzione del cervello sano e patologico: dal preconcepimento all’adolescenza" e "Compromissione perinatale del segnale endocannabinoidergico e sviluppo di psicopatologie". 

La SINPIA è un’Associazione Scientifica che ha per scopo la tutela della salute mentale dell’infanzia e dell’adolescenza, lo sviluppo della ricerca e della prevenzione, diagnosi, cura e riabilitazione delle patologie neurologiche, neuropsicologiche e/o psichiatriche dell’infanzia e dell’adolescenza (da 0 a 18 anni) e di tutti i disordini dello sviluppo del bambino nelle sue varie linee di espressione (motoria, comunicativo-linguistica, cognitiva, affettiva e relazionale).

Commenti

I Correlati

I disturbi del neurosviluppo risultano tra le malattie più frequenti dell’età evolutiva

Clerici: Corsi sistematici nelle scuole di specializzazione

Il Tavolo tecnico Malattie infettive e Vaccinazioni della Società Italiana di Pediatria esprime la sua ferma opposizione all'emendamento al decreto sulle liste d’attesa

Si è chiuso a Pavia presso la Fondazione Mondino il Congresso Nazionale “CONTINUARE A CURARE: modelli di lavoro interdisciplinari per supportare il passaggio all’età adulta nelle patologie neurologiche e psichiatriche complesse”

Ti potrebbero interessare

I disturbi del neurosviluppo risultano tra le malattie più frequenti dell’età evolutiva

Lo psichiatra Premio Hemingway 2024 per l'avventura del pensiero

Più inclini ad ammalarsi 10-20 anni dopo parto

Lo suggerisce uno studio pubblicato su Plos Mental Health che ha esaminato 12 ricerche precedenti

Ultime News

Sono state segnalate neoplasie secondarie maligne originate da cellule T, incluse neoplasie maligne positive al recettore dell’antigene chimerico (CAR)

Coghe: "Un progetto che nasce dall'idea del professor Gavino Faa, incaricato dall'Aou di Cagliari di occuparsi della stesura di un sistema di digital patology da sviluppare all'interno dell'azienda"

I risultati di un’indagine e la premiazione di uno studio, riportano l’attenzione agli effetti collaterali, uno degli aspetti a cui la radioterapia viene erroneamente associata

Realizzato senza oneri per le finanze dell’Ente perché realizzato grazie ad un bando Europeo nell’ambito dei fondi PNRR per la digitalizzazione