Canali Minisiti ECM

Una terapia genica permette ad un bimbo nato sordo di sentire

Otorinolaringoiatria Redazione DottNet | 25/01/2024 13:39

Il bambino è stato sottoposto al trattamento al Children Hospital di Philadelphia ed è divenuto la prima persona a ottenere la terapia genica per sordità congenita

  Un bambino nato sordo ha recuperato l'udito grazie a una terapia genica. Aissam Dam, 11 anni, è cresciuto in Marocco avvolto nel silenzio, esprimendosi con una lingua dei segni di sua invenzione. La sua famiglia si è trasferita in Spagna lo scorso anno e, durante una visita da un medico specialista, le è stato indicato che Aissam Dam poteva qualificarsi per un test clinico con la terapia genica. Lo scorso ottobre, riporta il New York Times, Aissam Dam è stato sottoposto al trattamento al Children Hospital di Philadelphia ed è divenuto la prima persona a ottenere la terapia genica per sordità congenita. Il trattamento ha avuto successo, consendo a Aissam Dam di conoscere il mondo dei suoni. "Non c'è un suono che non mi piace", ha detto il bambino al New York Times .

Il piccolo Aissam è stato così coinvolto nello studio AK-OTOF-101 condotto da scienziati dell'azienda Akouos, Inc. – controllata dal colosso farmaceutico statunitense Eli Lilly and Company – e dal gruppo di ricerca Clinical In Vivo Gene Therapy del Children's Hospital di Filadelfia (CHOP), dove è stato eseguito il pionieristico intervento.

pubblicità

Il ragazzino era affetto da una mutazione genetica ereditaria del gene OTOF legato alla sintetizzazione dell'otoferlina, una proteina fondamentale per l'udito. Essa, infatti, si trova nelle cellule ciliate dell'orecchio interno ed è responsabile della “traduzione” delle vibrazioni sonore in segnali percepibili / interpretabili dal cervello. In parole semplici, ci permettono di ascoltare. Quando questo gene è difettoso a causa delle mutazioni nel DNA (ne esistono molteplici), le cellule ciliate non riescono a svolgere il proprio dovere e si manifestano vari livelli di ipoacusia sin dalla nascita. Nella condizione chiamata DFNB9, legata proprio all'alterazione del genere OTOF, si determina sordità congenita e ritardo nello sviluppo del linguaggio. Poiché è ben noto il gene coinvolto, attraverso la terapia genica – una delle branche più promettenti della medicina moderna – è possibile provare a correggere il difetto ripristinando la produzione dell'otoferlina. È esattamente ciò che ha permesso ad Aissam di acquisire l'udito undici anni dopo la sua nascita.

All'inizio di ottobre del 2023 il ragazzino è stato ricoverato presso il nosocomio pediatrico americano e sottoposto a un peculiare intervento, durante il quale un'equipe di medici – con l'ausilio di un endoscopio – ha sollevato il suo timpano e ha inserito nel fluido della coclea la dose di terapia genica chiamata AK-OTOF, basata su copie normali / funzionanti del gene OTOF. Per somministrarla hanno utilizzato un vettore virale adeno-associato (AAV) reso innocuo attraverso l'ingegneria genetica. A pochi mesi dal trattamento, la profonda sordità di Aissam si è trasformata in una ipoacusia (da lieve a moderata); ciò significa che dal suo mondo privo di rumori, voci e musica ha improvvisamente iniziato a percepire i suoni provenienti dall'ambiente che lo circonda. Questo perché le cellule ciliate del suo orecchio interno, potendo disporre del gene corretto, hanno iniziato a produrre l'otoferlina e il suo cervello è diventato capace di convertire le vibrazioni sonore in segnali udibili.

“La terapia genica per la perdita dell'udito è qualcosa a cui noi medici e scienziati nel mondo della perdita dell'udito lavoriamo da oltre 20 anni, ed è finalmente arrivata. Mentre la terapia genica che abbiamo eseguito sul nostro paziente mirava a correggere un’anomalia in un gene molto raro, questi studi potrebbero aprire la porta all’uso futuro per alcuni degli oltre 150 altri geni che causano la perdita dell’udito infantile”, ha dichiarato con entusiasmo in un comunicato stampa il professor John A. Germiller, docente presso la Scuola di Medicina Perelman dell'Università della Pennsylvania e primario di otorinolaringoiatria nell'ospedale di Filadelfia.

La speranza è che attraverso simili procedure sempre più persone affette da sordità o ipoacusia causate da mutazioni genetiche possano acquisire l'udito, con un significativo miglioramento della qualità della vita. Non è chiaro se il piccolo Aissam riuscirà anche a sviluppare la parola, considerando che il linguaggio è legato all'ascolto dei suoni nei primi anni di vita. Lo studio AK-OTOF-101 è comunque destinato a bambini e adolescenti di età compresa tra i 2 e i 17 anni, tutti colpiti da mutazioni del gene OTOF dimostrate da test genetici ad hoc.

Commenti

I Correlati

Per la prima volta è stata somministrata in entrambe le orecchie, e ciò ha permesso ai bambini di determinare la posizione dalla quale provengono i suoni

Iervolino: Il Monaldi centro all’avanguardia per tumori del testa-collo e per la chirurgia della sordità

Il 1 marzo si riuniranno a Roma a Montecitorio rappresentanti delle istituzioni, medici specialisti, operatori sanitari, ricercatori, associazioni e imprese, per una lunga maratona promossa per diffondere in Italia il messaggio dell'Oms

Lo afferma una revisione sistematica delle prove disponibili, pubblicata sulla rivista BMJ Public Health

Ti potrebbero interessare

Per la prima volta è stata somministrata in entrambe le orecchie, e ciò ha permesso ai bambini di determinare la posizione dalla quale provengono i suoni

Iervolino: Il Monaldi centro all’avanguardia per tumori del testa-collo e per la chirurgia della sordità

Il 1 marzo si riuniranno a Roma a Montecitorio rappresentanti delle istituzioni, medici specialisti, operatori sanitari, ricercatori, associazioni e imprese, per una lunga maratona promossa per diffondere in Italia il messaggio dell'Oms

Il corso di formazione Omceo Roma fa il punto sulle Nuove Frontiere della pediatria

Ultime News

Previsto anche il pagamento dei ticket, la scelta del medico e il consulto dei referti

Ci sarà un CdC hub ogni 40.000-50.000 abitanti. L’orario di attività articolato nell’arco delle 24 ore giornaliere permette alla CdC hub di svolgere funzioni di primo livello

L’accordo è stato sottoscritto dal presidente FOFI, Andrea Mandelli, e dal Gen. C.A. Vito Ferrara, e ha tra le finalità principali l’aggiornamento delle competenze professionali del personale farmacista delle Forze Armate e Arma dei Carabinieri

La Federazione nazionale degli Ordini TSRM e PSTRP esprime il proprio apprezzamento per l'attenzione riservata dal Ministero dell’università e della ricerca nei confronti delle professioni sanitarie ad essa afferenti