Medicina Generale
Medicina Generale
Canali Minisiti ECM

La Simg entra nel Board del Calendario Vaccinale per la Vita

Medicina Generale Redazione DottNet | 17/06/2024 19:03

"La partecipazione della SImg arricchisce ulteriormente il già alto valore scientifico e professionale del Board, con i Medici di Medicina Generale di Simg che potranno fornire il proprio contributo"

La Società Italiana di Medicina Generale e delle Cure Primarie (Simg) entra a far parte del “Board del Calendario Vaccinale per la vita”, il progetto scientifico nato nel 2012 grazie allo sforzo congiunto di quattro realtà scientifiche impegnate nella prevenzione vaccinale: la Fimmg - Federazione Italiana Medici di Medicina Generale, la Fimp - Federazione Italiana Medici Pediatri, la Sip – Società Italiana di Pediatria, la SItI - Società Italiana di Igiene Medicina Preventiva e Sanità Pubblica. Questo gruppo di professionisti si è impegnato per definire una proposta ideale di offerta vaccinale a medici, cittadini e autorità sanitarie. La partecipazione della Simg arricchisce ulteriormente il già alto valore scientifico e professionale del Board, con i Medici di Medicina Generale di Simg che potranno fornire il proprio contributo.

Il lavoro messo in atto dalle società scientifiche che dal 2012 fanno parte del “Board del Calendario Vaccinale
per la Vita” si propone come modello per i clinici di diverse aree, per le autorità sanitarie e per la cittadinanza tutta. I risultati raggiunti in questi anni ripagano degli sforzi compiuti, dimostrando come le proposte del Board in termini di raccomandazioni sull’utilizzo dei vaccini (peraltro pubblicate in riviste scientifiche internazionali) siano effettivamente diventate un punto di riferimento per la sanità pubblica del nostro Paese. Il Board è aperto a collaborazioni anche con altre società scientifiche su specifiche tematiche, utili alla definizione delle strategie vaccinali, particolarmente per i soggetti a rischio per patologie o condizioni di vita specifiche. La struttura dell’alleanza tra le cinque società consiste di un board scientifico composto da 3-4 componenti per ciascuna di esse più il coordinatore tecnico-scientifico, e da un organismo di conduzione strategica, che raccoglie i presidenti / segretario generale delle società, cui partecipa anche il coordinatore; il ruolo di coordinatore tecnico-scientifico è svolto dal Prof. Paolo Bonanni, Professore Ordinario di Igiene presso l’Università di Firenze.

“Il nostro obiettivo originario era rendere il concetto di vaccinazione per tutto il corso della vita una realtà
di sanità pubblica – spiega Paolo Bonanni, Coordinatore del Gruppo –. Puntiamo a una prevenzione efficace ed efficiente della salute della popolazione mediante un’offerta attiva di vaccini di comprovata efficacia e sicurezza ai cittadini di ogni età.. Alle nostre raccomandazioni scientifiche, che rappresentano inizialmente una proposta nell’interesse di salute del singolo, è seguito negli anni un recepimento sempre più ampio delle raccomandazioni del Board da parte delle autorità sanitarie regionali e nazionali: Si passa quindi da una buona pratica individuale a un diritto di ogni cittadino cui la prevenzione vaccinale è raccomandata.

pubblicità

Nel 2017 abbiamo compiuto un salto di qualità con un risultato storico: il Piano Nazionale di Prevenzione Vaccinale 2017-2019 si è ispirato in ampia parte alla nostra proposta. La nostra attività va oltre la definizione di un calendario aggiornato periodicamente, ma offriamo un contributo con analisi, raccomandazioni e prese di posizione su tematiche di attualità rilevanti nel nostro ambito di competenza. Negli ultimi anni, ad esempio, abbiamo sottolineato l’importanza del nuovo vaccino ricombinante contro l’Herpes Zoster, l’opportunità degli anticorpi monoclonali per il Virus Respiratorio Sinciziale (RSV) nei bambini (in collaborazione con la Società Italiana di Neonatologia SIN), il ruolo strategico delle vaccinazioni stagionali contro il Covid, la recente novità del nuovo vaccino anti-RSV per l’adulto fragile e l’anziano”.

La richiesta della Simg di entrare a far parte di questa alleanza è stata quindi accettata in virtù del ruolo significativo della società. “Dalla SIMG ci aspettiamo un contributo scientifico, grazie all’esperienza maturata dai Medici di Medicina Generale in questo ambito, che potrà aiutarci nei processi di aggiornamento del calendario – evidenzia Bonanni – Inoltre, la Medicina Generale può contare su un’ampia mole di dati epidemiologici e statistici, utili per comprendere le reali adesioni alle campagne vaccinali e per identificare chi abbia caratteristiche importanti da considerare come target di determinate vaccinazioni”.

“La nostra adesione al progetto del “Calendario Vaccinale per la Vita” ci rende orgogliosi, in quanto entriamo a far parte di una compagine qualificata che riconosce gli sforzi compiuti dalla Simg in questi anni e apprezza il contributo scientifico e professionale che potremo dare nell’elaborazione dei prossimi Piani Nazionali di Prevenzione Vaccinale - sottolinea Alessandro Rossi  (nella foto), Presidente Simg – La nostra realtà scientifica in questi anni si è impegnata in significative attività formative e informative nel campo della vaccinazione, con un proficuo coordinamento con altre società scientifiche e con le autorità sanitarie. Abbiamo studiato e promosso le vaccinazioni periodiche contro l’influenza, abbiamo gestito le vaccinazioni contro il Covid e i successivi richiami, ma ci siamo impegnati anche nelle varie campagne che hanno coinvolto i pazienti adulti sulla prevenzione di Pneumococco, Herpes Zoster, Meningococco, Virus Respiratorio Sinciziale, oltre che sui richiami contro morbillo e difterite-tetano-pertosse. Questo impegno ha permesso che la nostra candidatura venisse accolta (e ne siamo grati), offrendoci un’ulteriore opportunità di crescita e di collaborazione a cui parteciperemo lavorando alacremente”.

Commenti

I Correlati

Costituiscono oltre il 60 per cento del territorio nazionale: 4.000 comuni con 13 milioni di abitanti, il 22,7 per cento della popolazione italiana, spesso carenti e distanti dai servizi essenziali, a partire da quelli sanitari

Andreoni: “Siamo di fronte a un picco estivo dei casi Covid che certamente era inatteso perché di fatto avevamo visto un progressivo scemare dei contagi. Ma proprio la nuova sottovariante, la KP.3, sta determinando questo rialzo"

Consegnati nel complesso dell’Università Federico II i diplomi agli studenti della prima edizione dell’Academy italiana del Pharma finanziata con oltre 2 milioni di euro dal Centro Nazionale di Ricerca

I controlli sulle Asl restino alle Regioni ma che in caso di inadempienze si attivi il potere sostitutivo dello Stato. Smi: superare il tetto di spesa sul personale medico

Ti potrebbero interessare

L'obiettivo è intercettare forme tumorali ai primissimi stadi

I medici di famiglia della Fimmg lanciano un appello alla popolazione, in particolare alle persone anziane e fragili, affinché adottino misure precauzionali per proteggersi ed evitare di dover ricorrere al pronto soccorso

"Lo svolgimento dell'attività non deve arrecare pregiudizio al corretto e puntuale svolgimento dei propri compiti convenzionali"

Ci sarà un CdC hub ogni 40.000-50.000 abitanti. L’orario di attività articolato nell’arco delle 24 ore giornaliere permette alla CdC hub di svolgere funzioni di primo livello