Canali Minisiti ECM

Nessun rischio di gravidanze complesse con la sclerosi multipla

Neurologia Redazione DottNet | 05/02/2021 19:33

Lo rivela uno studio pubblicato su Neurology Clinical Practice, una rivista dell'Accademia americana di neurologia

Le donne affette da sclerosi multipla potrebbero non essere a più alto rischio di complicanze di gravidanza rispetto alle donne che non hanno la stessa malattia.   E' quanto si legge in uno studio pubblicato su Neurology Clinical Practice, una rivista dell'Accademia americana di neurologia. Lo studio ha però rilevato che i bambini nati da madri con sclerosi multipla hanno avuto una maggiore probabilità di essere partoriti con taglio cesareo o parto indotto, e in genere sono risultati più piccoli per la loro età rispetto agli altri.    "Le donne con sclerosi multipla possono essere comprensibilmente preoccupate per i rischi della gravidanza", ha detto Melinda Magyari, autrice principale dello studio seguito dall'Università di Copenaghen.   "Sebbene ricerche precedenti abbiano dimostrato che non esiste un rischio maggiore di difetti alla nascita per i bambini nati da donne con sclerosi multipla, ci sono ancora molte incognite sulla gravidanza e la malattia - aggiunge - Abbiamo scoperto che nel complesso le loro gravidanze erano sane quanto quelle delle mamme senza sclerosi".   Lo studio ha coinvolto 2.930 donne in gravidanza con sclerosi e 56.958 donne, sempre in gravidanza, ma che non la avevano. Tutte loro hanno partorito tra il 1997 e il 2016. Non sono state riscontrate differenze nel rischio di preeclampsia, diabete gestazionale, complicanze della placenta, cesareo di emergenza, parto strumentale, feto morto, parto pretermine, malformazioni congenite.   I ricercatori hanno scoperto che le donne con sclerosi multipla avevano l'89% di probabilità in più di avere un cesareo elettivo e il 15% in più di probabilità di avere un parto indotto. Inoltre, avevano il 29% di probabilità in più di avere bambini nati piccoli per la loro età gestazionale rispetto alle donne senza sclerosi.

pubblicità

fonte: Neurology Clinical Practice

Commenti

I Correlati

Sinpf e Sinpia: “Aderenza a cure fondamentale per controllare l’impulsività”

Una ricerca internazionale apre nuove prospettive per la cura del Parkinson

Lo studio Positive ha dimostrato che interrompere la terapia ormonale per 2 anni non aumenta il rischio di recidiva: il 74% delle donne ha avuto una gravidanza e il 64% l'ha portata a termine

In Italia circa 1 bambino su 77 soffre di un disturbo dello spettro autistico (dati ISS), 5 bambini su 100 manifestano un disturbo del linguaggio o dell’apprendimento e da 3,5 a 5 su 100 un deficit dell’attenzione e iperattività

Ti potrebbero interessare

Sinpf e Sinpia: “Aderenza a cure fondamentale per controllare l’impulsività”

Una ricerca internazionale apre nuove prospettive per la cura del Parkinson

In Italia circa 1 bambino su 77 soffre di un disturbo dello spettro autistico (dati ISS), 5 bambini su 100 manifestano un disturbo del linguaggio o dell’apprendimento e da 3,5 a 5 su 100 un deficit dell’attenzione e iperattività

Studio spagnolo svela segni di malattia nel 95% degli over 65 con 2 copie del gene ApoE4

Ultime News

Ricoverato in terapia intensiva. Azienda 'non c'è allarme'

"Da algoritmi di Facebook e Instagram rischi per la salute mentale"

"Grazie a capacità diagnostiche ma anche per un incremento di steatosi epatiche"

L'Organizzazione mondiale della sanità annuncia che un nuovo vaccino - chiamato Tak-003 - contro la dengue è in fase di prequalificazione