Presto un vaccino antinfluenzale universale

Infettivologia | Redazione DottNet | 07/03/2021 23:10

Ampia neutralizzazione dei virus H1 e H3 mediante vaccini antinfluenzali a stelo HA adiuvati in primati non umani

Lo sviluppo di un vaccino antinfluenzale universale è di fondamentale importanza, poiché i vaccini stagionali variano in termini di protezione. Qui, Darricarrère et al. spostato un vaccino antinfluenzale universale un passo più vicino alla clinica. Gli autori hanno vaccinato primati non umani con antigeni a stelo stabilizzato emoagglutinina senza testa presentati su nanoparticelle di ferritina. I vaccini hanno suscitato anticorpi che hanno neutralizzato una vasta gamma di ceppi influenzali, suggerendo che i vaccini avrebbero fornito un'ampia protezione contro l'infezione influenzale in vivo. Questi vaccini, attualmente in fase di sperimentazione clinica, sono candidati promettenti per vaccini antinfluenzali ampiamente protettivi.

I vaccini contro l'influenza stagionale conferiscono protezione contro specifici ceppi virali ma hanno un'ampiezza limitata che limita la loro efficacia protettiva. I sottotipi H1 e H3 del virus dell'influenza A causano la maggior parte delle epidemie stagionali osservate negli esseri umani e sono i principali fattori di mortalità associata al virus dell'influenza A. Le conseguenze della diffusione pandemica di COVID-19 sottolineano l'importanza per la salute pubblica del futuro sviluppo di vaccini. Qui, mostriamo che gli immunogeni a stelo stabilizzato emoagglutinina (HA) senza testa presentati su nanoparticelle di ferritina suscitano risposte anticorpali ampiamente neutralizzanti (bnAb) a diversi virus H1 e H3 in primati non umani (NHP) quando consegnati con un olio in acqua a base di squalene coadiuvante in emulsione, AF03.

La potenza di neutralizzazione e l'ampiezza degli anticorpi isolati da NHP erano paragonabili ai bnAbs umani e si estendevano a virus influenzali eterosubtipici non corrispondenti. Anche se le NHP mancano dei residui VH1-69 della linea germinale dell'immunoglobulina associati ai bnAbs diretti dal fusto umano più diffusi, altre famiglie di geni hanno compensato per generare bnAbs. L'isolamento e le analisi strutturali dei bnAbs indotti dal vaccino hanno rivelato un'ampia interazione con il peptide di fusione sullo stelo di HA, essenziale per l'ingresso virale. Gli anticorpi indotti da questi vaccini a stelo stabilizzato con HA senza testa hanno neutralizzato diversi virus influenzali H1 e H3 e hanno condiviso una modalità di riconoscimento analoga ai bnAbs umani,

 

fonte: Science

Ultime News