La prima esposizione al virus pandemico H1N1 ha indotto anticorpi ampiamente neutralizzanti

Infettivologia | Redazione DottNet | 03/06/2021 16:07

I topi che ricevevano il trasferimento passivo di questi anticorpi erano protetti dall'infezione influenzale letale

La protezione contro i diversi ceppi di influenza è mediata da anticorpi ampiamente neutralizzanti, che prendono di mira le regioni conservate del virus. Qui, Guthmiller et al. hanno dimostrato che gli anticorpi prodotti dalle cellule B che rispondono al virus dell'influenza pandemica H1N1 del 2009 erano ampiamente neutralizzanti ed erano specifici per una delle due regioni conservate della testa dell'emoagglutinina, il cerotto laterale o il sito di legame del recettore. I topi che ricevevano il trasferimento passivo di questi anticorpi erano protetti dall'infezione influenzale letale. Pertanto, le strategie vaccinali mirate al cerotto laterale e al sito di legame del recettore possono fornire un'ampia protezione contro più ceppi di influenza.

Gli anticorpi ampiamente neutralizzanti sono fondamentali per la protezione contro i virus dell'influenza. Qui, riveliamo che la prima esposizione al virus dell'influenza pandemica H1N1 del 2009 richiama le cellule B di memoria che sono specifiche per il sito di legame del recettore conservato (RBS) o gli epitopi del cerotto laterale del dominio della testa dell'emoagglutinina (HA). Gli anticorpi monoclonali (mAb) generati contro questi epitopi sono ampiamente neutralizzanti contro i virus H1N1 che abbracciano 40 anni di evoluzione virale e forniscono una potente protezione in vivo. Gli anticorpi che mirano al cerotto laterale hanno dimostrato un legame quasi universale con i virus H1 e gli anticorpi che legano RBS hanno comunemente reagito in modo incrociato con virus H3N2 e virus dell'influenza B.

Gli mAb di targeting per patch laterale erano limitati all'espressione del gene variabile della catena pesante VH3-23 con o senza il gene variabile della catena kappa VK1-33 e spesso avevano un motivo YxR all'interno della regione 3 che determinava la complementarità della catena pesante per stabilire contatti chiave con HA. Inoltre, gli anticorpi del cerotto laterale che utilizzavano sia VH3-23 che VK1-33 hanno mantenuto la capacità di neutralizzazione con i recenti ceppi pH1N1 che hanno acquisito mutazioni vicino al cerotto laterale. I mAbs che si legano a RBS hanno utilizzato un repertorio diversificato, ma hanno preso di mira l'epitopo RBS in modo simile e hanno stabilito ampi contatti con il principale sito antigenico Sb. Insieme, i nostri dati indicano che i cloni RBS e patch-targeting laterale sono abbondanti all'interno del pool di cellule B della memoria umana e le strategie vaccinali universali dovrebbero mirare a guidare gli anticorpi contro gli epitopi conservati della testa e del gambo.

 

fonte: Nature

Ultime News