Una variante dilagante del coronavirus riduce le nostre difese immunitarie

Infettivologia | Redazione DottNet | 10/06/2021 14:37

La rapida diffusione della variante B.1.1.7, chiamata anche Alpha, potrebbe essere collegata alla sua capacità di ridurre la risposta immunitaria iniziale

Una variante del coronavirus a rapida diffusione attenua la prima linea di difesa del corpo, il che potrebbe spiegare perché è più trasmissibile rispetto alle varianti precedentemente circolanti, secondo uno studio sull'infezione cellulare da SARS-CoV-2.

Da quando è stata rilevata per la prima volta nel Regno Unito alla fine dello scorso anno, la variante B.1.1.7, chiamata anche Alpha, ha fatto il giro del mondo per diventare la forma dominante di SARS-CoV-2. Alcuni studi mostrano che la capacità di Alpha di superare le varianti precedentemente circolanti potrebbe derivare da mutazioni nella sua proteina spike che gli consentono di entrare nelle cellule in modo più efficiente. Ma uno studio  pubblicato su bioRxiv il 7 giugno suggerisce che Alpha ha anche trucchi legati a mutazioni al di fuori della proteina spike. Queste mutazioni probabilmente significano che entro poche ore dall'infezione di una persona, Alpha sopprime la difesa a risposta rapida che il corpo monta contro tutti gli invasori. Bloccando questa "risposta immunitaria innata", il virus si procura più opportunità di infettare altre persone.

Questo aiuta Alpha a "affrontare o nascondersi dall'immunità innata - e pensiamo che sia importante per la trasmissione", afferma Clare Jolly, virologa presso l'University College di Londra, che ha co-diretto il lavoro. Jolly e i suoi colleghi hanno esaminato come le cellule delle vie aeree umane producono l'interferone, una proteina immunitaria che avvia le difese dell'organismo all'arrivo di un agente patogeno. Il team ha scoperto che le cellule infettate con Alpha producono molto meno interferone rispetto alle cellule infettate con varianti di SARS-CoV-2 precedentemente circolanti. La soppressione della produzione di interferone da parte dell'alfa aiuta la variante a rimanere più a lungo nel corpo.

Ingerenza di proteine

Le cellule infettate da alfa avevano anche livelli molto più alti di RNA virale che codifica per la proteina Orf9b e per la stessa Orf9b. I ricercatori hanno scoperto che Orf9b smorza le difese dell'organismo interagendo con le proteine ​​dell'ospite che in genere attivano la produzione di interferone e altri geni importanti per la risposta immunitaria innata. I risultati non sono ancora stati sottoposti a revisione paritaria. Uno studio pubblicato su bioRxiv il 4 marzo da Silvana Gaudiera, immunogenetista dell'Università dell'Australia occidentale a Perth, e dai suoi colleghi, conferma alcuni di questi risultati. Gaudiera e il suo team hanno analizzato campioni virali di persone infette da Alpha e hanno trovato livelli significativamente più alti di espressione di RNA, che probabilmente rappresentano la produzione di Orf9b, rispetto a persone infette con varianti precedenti.

Il team attribuisce questa sovraespressione a una mutazione al di fuori della proteina spike, in geni importanti per la replicazione virale. L'ultimo documento "evidenzia l'importanza di guardare oltre la proteina spike per nuove mutazioni", afferma Gaudiera. Anche questi risultati non sono stati ancora sottoposti a revisione paritaria. Nevan Krogan, un genetista dell'Università della California, San Francisco, che ha co-diretto il lavoro con Jolly, afferma che i ricercatori stanno ora estendendo la loro analisi ad altre varianti di preoccupazione. "Questo virus è super subdolo", dice. "La domanda è: quali altri trucchi ha?"

 

fonte: Nature

Ultime News