La variante Delta compromette l'immunità di gregge

Infettivologia | Redazione DottNet | 02/08/2021 18:18

Cdc: I vaccinati devono indossare le maschere al chiuso. Nel Regno Unito il comitato consultivo di esperti SAGE ha previsto che le nuove varianti alla fine sconfiggeranno i vaccini esistenti

Gli epidemiologi stanno adeguando le loro aspettative per il futuro della pandemia dopo che i dati di un recente focolaio nel Massachusetts negli Stati Uniti suggeriscono che mentre la vaccinazione rimane altamente protettiva contro le peggiori conseguenze dell'infezione, potrebbe non essere sufficiente da sola per fermare la diffusione di la variante delta

I test condotti tra i residenti del Massachusetts durante un'epidemia a Provincetown, un luogo di vacanza, dal 3 al 17 luglio hanno rilevato che il 75% delle persone infette era completamente vaccinato, in uno Stato in cui il 69% degli adulti era coperto dal siero.  Tra i vaccinati con infezioni, la difficoltà di rilevare il virus nei passaggi nasali, noto come valore di soglia del ciclo, era quasi identica a quella osservata nei non vaccinati. Questa scoperta suggerisce che entrambi i gruppi hanno la stessa carica virale e hanno la stessa probabilità di trasmettere le loro infezioni, hanno avvertito i Centri statunitensi per il controllo e la prevenzione delle malattie (CDC).

I risultati supportano le affermazioni secondo cui le persone vaccinate stanno svolgendo un ruolo nell'ondata estiva delle infezioni da variante delta e hanno portato il CDC a ripristinare la sua raccomandazione che le persone vaccinate indossino maschere al chiuso. Il CDC ha pubblicato i dati di Provincetown il 30 luglio, ma una presentazione che menzionava i risultati sulla carica virale è stata ottenuta in anticipo dal Washington Post . Gli epidemiologi a cui sono stati mostrati questi risultati hanno detto al giornale che hanno cambiato le aspettative e le previsioni. "Ho finito di leggerlo molto più preoccupato di quando ho iniziato", ha detto Robert Wachter, presidente del Dipartimento di Medicina dell'Università della California a San Francisco. Jeffrey Shaman, un epidemiologo della Columbia University, ha dichiarato: "In un certo senso, la vaccinazione ora riguarda la protezione personale, proteggersi da malattie gravi. L'immunità di gregge non è rilevante in quanto stiamo assistendo a numerose prove di infezioni ripetute e rivoluzionarie".

Andrew Noymer, epidemiologo dell'Università della California a Irvine, ha dichiarato: "Sebbene la maggior parte dei casi non abbia comportato il ricovero in ospedale, dimostrando che il vaccino funziona in modo importante, questo studio è portentoso per il raggiungimento dell'immunità di gregge. Se i vaccinati possono essere infettati e, crediamo da altri studi, potenzialmente diffondere covid, allora l'immunità di gregge diventa più un miraggio che un traguardo".

Il direttore del CDC, Rochelle Walensky, ha dichiarato in una nota: "Questa scoperta è preoccupante ed è stato un fattore che ha portato alla raccomandazione aggiornata della maschera da parte del CDC". La variante delta è almeno due volte più contagiosa del virus SARS-Cov2 originale, ha affermato. La presentazione della diapositiva CDC ha descritto la variante delta come più infettiva del comune raffreddore e infettiva come la varicella. Ha anche indicato studi condotti in Canada, Scozia e Singapore che suggeriscono che l'infezione delta ha circa il doppio delle probabilità rispetto ai ceppi ancestrali di provocare polmonite o ricovero ospedaliero.

Delle 346 persone vaccinate che sono risultate positive nell'epidemia di Provincetown, il 79% era sintomatico e il test del genoma del campione ha suggerito che il 90% aveva la variante delta. Quattro sono stati ricoverati in ospedale e nessuno è morto. Il vaccino continua a offrire una forte protezione contro le malattie gravi. Attualmente ci sono circa 35.000 infezioni sintomatiche a settimana tra 162 milioni di americani vaccinati, afferma la presentazione delle diapositive del CDC. Il vaccino porta una riduzione di tre volte del rischio di infezione, una riduzione di otto volte del rischio di malattia sintomatica e una riduzione di 25 volte del rischio di ricovero ospedaliero o morte, secondo le stime dell'agenzia. Il CDC aveva appreso la scorsa settimana di 6239 ricoveri ospedalieri e 1263 decessi tra i completamente vaccinati, un tasso di mortalità dello 0,0008%.

Il CDC deve migliorare la comprensione del pubblico delle infezioni rivoluzionarie, afferma la presentazione trapelata dell'agenzia, utilizzando storie personali e confronti con i tassi di scarsi risultati nei non vaccinati. Dovrebbe sottolineare l'alto impatto della vaccinazione sui tassi di morte e di ricovero ospedaliero, ma chiarire che l'efficacia del vaccino contro l'infezione è inferiore, afferma il documento, esortando il CDC a "riconoscere che la guerra è cambiata".

Gli esperti del Regno Unito prevedono che nuove varianti eluderanno i vaccini

Nel Regno Unito il comitato consultivo di esperti SAGE ha previsto che le nuove varianti alla fine sconfiggeranno i vaccini esistenti. "Poiché l'eradicazione di SARS-CoV-2 sarà improbabile, abbiamo molta fiducia nell'affermare che ci saranno sempre varianti", ha riferito il panel. Una variante che portava una malattia più grave con mortalità come SARS-CoV (10%) o MERS-CoV (~ 35%) era una "possibilità realistica", così come una variante che trova un serbatoio animale e poi torna a colpire gli umani in un evoluto, forma resistente al vaccino. Un forte cambiamento antigenico che cambia la proteina spike sul virus abbastanza da eludere i vaccini attuali è anche una possibilità realistica, ha detto SAGE. Una deriva antigenica più lenta che "alla fine porta all'attuale fallimento del vaccino" è "quasi certa", ha avvertito SAGE. Nel frattempo la principale speranza per la fine della pandemia, che il virus rimanga altamente trasmissibile ma diventi meno dannoso, "come i coronavirus umani che causano il raffreddore comune", è stata valutata come una possibilità realistica a lungo termine ma "improbabile a breve termine". .

 

fonte: BMJ

Ultime News