In aumento i decessi per tubercolosi a causa della pandemia Covid

Infettivologia | Redazione DottNet | 18/10/2021 14:33

L'OMS stima che circa 4,1 milioni di persone (2,9 milioni in più rispetto al 2019) attualmente soffrano di tubercolosi senza aver ricevuto una diagnosi

Il COVID-19 ha invertito anni di progressi globali nella lotta alla tubercolosi e, per la prima volta in oltre un decennio, i decessi per tubercolosi sono aumentati, secondo l’ultimo rapporto globale sulla tubercolosi 2021 dell'Organizzazione mondiale della sanità. Causa Covid, nel 2020, si sono infatti registrate molte meno diagnosi ed è diminuito il numero delle persone in cura o oggetto di azioni preventive rispetto al 2019.
 
In molti paesi, risorse umane, finanziarie e di altro tipo sono state infatti riassegnate dalla lotta alla tubercolosi alla risposta al Covid, limitando la disponibilità dei servizi essenziali. "Questo rapporto conferma i nostri timori che l'interruzione dei servizi sanitari essenziali a causa della pandemia possa iniziare a svelare anni di progressi contro la tubercolosi", ha affermato Tedros Adhanom Ghebreyesus, direttore generale dell'OMS sottolineando che "questa è una notizia allarmante che deve servire da campanello d'allarme globale all'urgente necessità di investimenti e innovazione per colmare le lacune nella diagnosi, nel trattamento e nell'assistenza per i milioni di persone colpite da questa malattia antica ma prevenibile e curabile".

Con il Covid, come è noto, non c’è stato un rallentamento delle prestazioni e dei sevizi solo per la tubercolosi ma è indubbio che l'impatto sulla tubercolosi è stato particolarmente grave con circa 1,5 milioni di persone morte di tubercolosi nel 2020 (di cui 214.000 tra le persone HIV sieropositive) con un incremento di circa 100mila decessi rispetto al 2019 che riportano la mortalità per TBC ai livelli del 2017.
 
L'aumento del numero di decessi per tubercolosi si è verificato principalmente nei 30 paesi con il più alto carico di tubercolosi. Le proiezioni dei modelli dell'OMS suggeriscono che il numero di persone che sviluppano la tubercolosi e muoiono a causa della malattia potrebbe essere molto più alto nel 2021 e nel 2022. Già nel 2020, il numero di persone con nuova diagnosi di tubercolosi e di quelle segnalate ai governi nazionali è sceso da 7,1 milioni nel 2019 a 5,8 milioni nel 2020.
 
L'OMS stima che circa 4,1 milioni di persone (2,9 milioni in più rispetto al 2019) attualmente soffrano di tubercolosi senza aver ricevuto una diagnosi o comunque senza essere state segnalate alle autorità sanitarie. ma non siano state diagnosticate con la malattia o non siano state ufficialmente segnalate alle autorità nazionali. I paesi che hanno contribuito maggiormente alla riduzione globale delle notifiche di tubercolosi tra il 2019 e il 2020 sono stati l'India (41%), l'Indonesia (14%), le Filippine (12%) e la Cina (8%). Questi e altri 12 paesi hanno rappresentato il 93% del calo globale totale delle notifiche.
 
Per quanto riguarda la diminuzione delle cure e dei trattamenti si registra un calo del 21% rispetto al 2019 con sole 2,8 milioni di persone trattate. Inoltre, il numero di persone trattate per la tubercolosi resistente ai farmaci è diminuito del 15%, da 177.000 nel 2019 a 150.000 nel 2020, vale a dire circa un terzo di chi ne avrebbe bisogno.
 
Alcuni numeri. La tubercolosi, il secondo killer infettivo più mortale (dopo il COVID-19), ed è causata da batteri (Mycobacterium tuberculosis) che più spesso colpiscono i polmoni. Può diffondersi quando le persone malate di tubercolosi espellono i batteri nell'aria, ad esempio tossendo.
Circa il 90% di coloro che si ammalano di tubercolosi ogni anno vive in 30 paesi (vedi elenco a fondo pagina).  La maggior parte delle persone che sviluppano la malattia sono adulti: nel 2020 gli uomini rappresentavano il 56% di tutti i casi di tubercolosi, le donne adulte il 33% e i bambini l'11%. Molti nuovi casi di tubercolosi sono attribuibili a cinque fattori di rischio: malnutrizione, infezione da HIV, disturbi da consumo di alcol, fumo e diabete.
 
La tubercolosi è prevenibile e curabile. Circa l'85% delle persone che sviluppano la malattia da tubercolosi può essere trattato con successo con un regime farmacologico di 6 mesi; il trattamento ha l'ulteriore vantaggio di ridurre la trasmissione dell'infezione. “Ci rimane solo un anno per raggiungere gli storici obiettivi di tubercolosi del 2022 fissati dai capi di Stato alla prima riunione ad alto livello delle Nazioni Unite sulla tubercolosi. Il rapporto fornisce informazioni importanti e un forte richiamo ai paesi per accelerare urgentemente le loro risposte contro la tubercolosi e salvare vite umane", ha affermato Tereza Kasaeva, direttrice del programma globale contro la tubercolosi dell'OMS che ha aggiunto come "questo sarà cruciale quando inizieranno i preparativi per la seconda riunione ad alto livello delle Nazioni Unite sulla tubercolosi, prevista per il 2023".
 
Tuttavia, la Regione Europea dell'OMS ha superato il traguardo del 2020, con una riduzione del 25%. Ciò è stato principalmente guidato dal calo nella Federazione Russa, dove l'incidenza è diminuita del 6% all'anno tra il 2010 e il 2020. La regione africana dell'OMS si è avvicinata al raggiungimento del traguardo, con una riduzione del 19%, che riflette riduzioni impressionanti di 4-10% all'anno in Sudafrica e in molti altri paesi dell'Africa meridionale, a seguito di un picco dell'epidemia di HIV e dell'espansione della prevenzione e della cura della tubercolosi e dell'HIV.
 
Paesi con più alta diffusione della tubercolosi. Angola, Bangladesh, Brasile, Repubblica Centrafricana, Cina, Congo, Repubblica Democratica Popolare di Corea, Repubblica Democratica del Congo, Etiopia, Gabon, India, Indonesia, Kenya, Lesotho, Liberia, Mongolia, Mozambico, Myanmar, Namibia, Nigeria, Pakistan, Papua Nuova Guinea, Filippine, Sierra Leone, Sudafrica, Thailandia, Uganda, Repubblica Unita di Tanzania, Vietnam e Zambia.

 

Ultime News