Il javascript risulta disabilitato nel browser.
Per una corretta navigazione abilita il javascript nel browser
e aggiorna la pagina.
Per eventuali informazioni puo contattare il numero 800.014.863
oppure può scrivere una mail all'indirizzo redazione@merqurio.it

Studio israeliano, la quarta dose di vaccino Covid ha una modesta copertura. Meglio la terza

Infettivologia | Redazione DottNet | 25/02/2022 14:07

Le persone giovani e sane e non hanno fattori di rischio probabilmente non trarranno molto beneficio da una quarta dose, al contrario dei più vulnerabili

Una quarta dose di vaccino contro il COVID-19 ripristina gli anticorpi ai livelli osservati dopo la terza dose, ma fornisce solo un modesto aumento della protezione contro le infezioni, secondo uno studio condotto in Israele  Lo studio, pubblicato sul server della pubblicazione preliminare di medRxiv il 15 febbraio senza revisione tra pari, suggerisce che gli attuali vaccini mRNA hanno raggiunto un "massimale di immunità" dopo la terza dose, afferma Miles Davenport, immunologo computazionale presso l'Università del New South Wales a Sydney, Australia. Ulteriori dosi probabilmente recupereranno solo l'immunità persa nel tempo a causa del declino, dice.

"La terza dose è davvero, davvero importante", afferma Gili Regev-Yochay, medico e ricercatore di malattie infettive presso lo Sheba Medical Center di Ramat Gan, coautore dello studio. Ma "le persone che sono giovani e sane e non hanno fattori di rischio probabilmente non trarranno molto beneficio da una quarta dose" di fronte a Omicron, dice. Tuttavia, lei e altri affermano che la quarta dose potrebbe essere benefica per le persone a più alto rischio di malattie gravi. Diversi paesi, tra cui Israele, Cile e Svezia, stanno offrendo la quarta dose agli anziani e ad altri gruppi.

A partire dalla fine del 2021, Regev-Yochay e i suoi colleghi hanno arruolato 274 operatori sanitari in uno studio clinico, in cui è stata somministrata loro la quarta dose di vaccino mRNA almeno quattro mesi dopo la terza. Alcuni hanno ricevuto il vaccino prodotto dalla Pfizer con sede a New York con BioNTech a Mainz, in Germania; altri hanno ricevuto quello realizzato da Moderna, con sede a Cambridge, Massachusetts.

Indipendentemente dal marchio del vaccino, la quarta dose ha aumentato i livelli di anticorpi "neutralizzanti" dei partecipanti, che possono bloccare l'infezione virale delle cellule. Ma i livelli dopo la quarta dose non hanno superato quelli osservati poco dopo la terza dose, suggerendo che i vaccini avevano raggiunto un limite superiore. "Non puoi continuare ad aumentare le risposte anticorpali per sempre", afferma Davenport.

I ricercatori hanno anche valutato gli anticorpi neutralizzanti di 25 partecipanti per il potere degli anticorpi contro diverse varianti di SARS-CoV-2. Hanno scoperto che, dopo la terza dose di vaccino, gli anticorpi dei partecipanti potevano impedire a Omicron di infettare le cellule, ma non così come hanno bloccato la variante Delta . Dopo la quarta dose, la potenza degli anticorpi contro Omicron è aumentata, ma anche non più della loro potenza contro Delta.

Questi dati sugli anticorpi potrebbero spiegare perché la quarta dose non si è tradotta in una sostanziale protezione aggiuntiva contro l'infezione da Omicron. Un ciclo a quattro dosi del vaccino Pfizer era il 30% più protettivo contro le infezioni rispetto a un ciclo a tre dosi; per Moderna, quell'efficacia extra era dell'11%. Ciò significava che, alla fine di gennaio, 52 partecipanti che avevano ricevuto una quarta dose erano risultati positivi per SARS-CoV-2 e 73 dei controlli abbinati che avevano ricevuto solo tre dosi lo avevano fatto. La maggior parte delle infezioni era lieve e nessuno dei partecipanti al gruppo di controllo o al gruppo a quattro dosi ha sviluppato COVID-19 grave.

L'aumento relativamente piccolo dell'efficacia tra la terza e la quarta dose è probabilmente dovuto al fatto che la protezione offerta da tre dosi è "già piuttosto elevata", afferma Davenport. Entrambi i vaccini offrivano una protezione leggermente maggiore contro le malattie sintomatiche che contro le infezioni.

Ran Balicer, un medico di salute pubblica presso il Clalit Health Institute di Tel Aviv, osserva che le stime di efficacia dello studio si basano su una piccola dimensione del campione e presentano ampi margini di incertezza. Altri studi osservazionali da Israele hanno mostrato livelli più elevati di protezione contro infezioni e malattie gravi. "Questa protezione aggiuntiva potrebbe fare una grande differenza per i gruppi ad alto rischio durante un'impennata", afferma Balicer.

In definitiva, lo studio indica la necessità di nuovi vaccini in grado di prevenire l'infezione con varianti emergenti, affermano i ricercatori. I risultati sottolineano anche l'importanza di chiarire il numero ottimale di dosi e il tempo tra le dosi per i vaccini esistenti, afferma Gagandeep Kang, virologo presso il Christian Medical College di Vellore, in India. "Non credo che inseguire un numero sempre crescente di dosi sarà la soluzione per Omicron o per le future varianti".

 

fonte: Nature

Ultime News