La quarta dose di vaccino Covid offre un'alta immunità: così funziona e i dati a sette mesi dalla terza

Infettivologia | Redazione DottNet | 10/05/2022 19:18

Non si sono verificati eventi avversi gravi correlati al vaccino e la quarta dose è stata sicura e ben tollerata, hanno affermato gli autori dello studio

Secondo uno studio, la quarta dose di vaccini mRNA covid-19 è sicura e fornisce un sostanziale aumento delle concentrazioni di anticorpi e dell'immunità cellulare se somministrata più di sei mesi dopo una terza dose del vaccino di Pfizer. Gli ultimi risultati dello studio britannico Cov-Boost, pubblicato su Lancet Infectious Diseases , hanno confrontato le risposte anticorpali e dei linfociti T dopo una quarta dose di un vaccino mRNA covid-19 con le risposte immunitarie dopo una terza dose. Somministrare una quarta dose di Pfizer e mezza dose di vaccino di Moderna è stato efficace nell'aumentare i livelli di anticorpi e l'immunità cellulare fino e al di sopra dei livelli di base e di picco osservati dopo i booster della terza dose, mostrano i risultati.

Sebbene il dolore al sito di vaccinazione e l'affaticamento fossero gli effetti collaterali più comuni, non si sono verificati eventi avversi gravi correlati al vaccino e la quarta dose è stata sicura e ben tollerata, hanno affermato gli autori. Alcuni partecipanti allo studio hanno mantenuto alti livelli di anticorpi e risposte cellulari anche prima della quarta dose e hanno avuto un potenziamento limitato da una quarta dose. I ricercatori hanno affermato che questa tendenza è stata notata anche nei partecipanti con precedente infezione, il che ha indicato che una quarta dose potrebbe non aumentare l'immunità se i livelli di base sono elevati.

Parlando a un briefing del Science Media Center, Saul Faust, capo dello studio e direttore della struttura di ricerca clinica presso l'University Hospital Southampton NHS Foundation Trust, ha affermato che i risultati hanno sottolineato i vantaggi di somministrare la quarta dose alle persone più vulnerabili questa primavera come strategia precauzionale. "La quarta dose di Pfizer o la mezza dose di Moderna sono sicure e sembrano essere efficaci", ha affermato. “Aumentano oltre la terza dose. Ma c'è un suggerimento da parte di alcune persone nel processo che potrebbe raggiungere un tetto. Dipenderà dal vaccino, dall'immunità dell'ospite e dalla dose".

I ricercatori hanno randomizzato 166 persone che avevano ricevuto una terza dose del vaccino Pfizer (dopo le dosi iniziali di vaccini Pfizer o AstraZeneca nel giugno 2021) per ricevere una dose intera di Pfizer (n=83) o mezza dose di Moderna (n =83) come quarta dose. Questi sono stati somministrati circa sette mesi dopo la loro terza dose.

Nel gruppo Pfizer, la concentrazione media geometrica di IgG della proteina anti-spike al giorno 28 dopo la terza dose era di 23.325 (intervallo di confidenza del 95% da 20.030 a 27.162) unità di laboratorio per il dosaggio dell'immunosorbente legato all'enzima (ELU)/mL, che è salita a 37 460 (da 31 996 a 43 857) ELU/mL al giorno 14 dopo la quarta dose, che rappresentano un cambiamento di piega significativo (media geometrica 1,59 (da 1,41 a 1,78)). Si è verificato un aumento significativo della concentrazione media geometrica di IgG delle proteine ​​anti-spike da 28 giorni dopo la terza dose (25.317 (da 20.996 a 30.528) ELU/mL) a 14 giorni dopo una quarta dose di Moderna (54.936 (46 da 826 a 64 452)), con una variazione di piega media geometrica di 2,19 (da 1,90 a 2,52).

Le variazioni di piega nei titoli delle proteine ​​IgG anti-spike da prima (giorno 0) a dopo (giorno 14) la quarta dose erano 12,19 (da 10,37 a 14,32) nel gruppo Pfizer e 15,9 (da 12,92 a 19,58) nel gruppo Moderna. Anche le risposte dei linfociti T sono state potenziate dopo la quarta dose. Le variazioni di piega per la variante wild type da prima a dopo la quarta dose erano 7,32 (da 3,24 a 16,54) nel gruppo Pfizer e 6,22 (da 3,90 a 9,92) nel gruppo Moderna.

Lo studio, finanziato dalla UK Vaccine Taskforce e dal National Institute for Health and Care Research, aiuterà a informare la decisione del Comitato congiunto britannico per la vaccinazione e l'immunizzazione se raccomandare la quarta dose a un gruppo più ampio di persone entro la fine dell'anno. "Questa è la domanda fondamentale che il JCVI valuterà, utilizzando i dati di questo studio e di un'ampia gamma di altri studi dal Regno Unito e all'estero", ha affermato Faust. "I dati chiave saranno infezioni gravi, ricoveri e decessi nelle persone che hanno ricevuto due o tre dosi, e questo è un set di dati dell'Agenzia per la sicurezza sanitaria del Regno Unito".

Gli autori hanno riportato diverse limitazioni con lo studio, incluso il numero relativamente piccolo di partecipanti in ciascun sottogruppo. I punti di forza includono essere i primi a riportare i dati della quarta dose a programma misto da uno studio randomizzato. Un portavoce del JCVI ha affermato che l'agenzia sta continuando la sua revisione continua del programma di potenziamento del Regno Unito e rilascerà consigli su un programma di potenziamento autunnale "a tempo debito".

 

fonte: BMJ

Ultime News