Long Covid resterà a lungo: trovati residui del virus nell'intestino per mesi dopo l'infezione

Infettivologia | Redazione DottNet | 13/05/2022 20:54

I ricercatori hanno scoperto che alcune persone hanno continuato a versare RNA virale nelle feci sette mesi dopo un'infezione iniziale da SARS-CoV-2 lieve o moderata, ben dopo la fine dei sintomi respiratori

Secondo uno studio cinese pubblicato su 'The Lancet Respiratory Medicine', l'indagine con il follow-up più lungo condotta finora, anche a 2 anni di distanza si rileva la permanenza di almeno un sintomo nel 55% degli ex ricoverati per Covid-19. Persistono disturbi anche dopo mesi e con problemi della memoria, disturbi cognitivi, la maggior parte di lieve entità. Ma c'è stato uno studio abbastanza preoccupante in cui è stato valutato il volume del cervello nei pazienti che hanno sintomi Long Covid, suggerendo che si riduce. Ma non è tutto.

Nel caos dei primi mesi della pandemia di coronavirus, l'oncologo e genetista Ami Bhatt è stato incuriosito dalle diffuse segnalazioni di vomito e diarrea nelle persone infette da SARS-CoV-2. "A quel tempo, si pensava che fosse un virus respiratorio", dice. Bhatt e i suoi colleghi, curiosi di sapere un possibile legame tra il virus e i sintomi gastrointestinali, hanno iniziato a raccogliere campioni di feci da persone con COVID-19.

A migliaia di miglia di distanza dal laboratorio di Bhatt presso la Stanford Medicine in California, l'internista di gastroenterologia Timon Adolph è rimasto perplesso dai resoconti dei sintomi intestinali nelle persone infette. Anche Adolph e i suoi colleghi dell'Università di Medicina di Innsbruck in Austria hanno iniziato ad assemblare campioni: biopsie del tessuto gastrointestinale.

A due anni dall'inizio della pandemia, la previsione degli scienziati ha dato i suoi frutti: entrambi i team hanno recentemente pubblicato risultati 1 , 2 suggerendo che pezzi di SARS-CoV-2 possono rimanere nell'intestino per mesi dopo un'infezione iniziale. I risultati si aggiungono a un crescente pool di prove a sostegno dell'ipotesi che frammenti persistenti di virus - "fantasmi" di coronavirus, li ha chiamati Bhatt - potrebbero contribuire alla misteriosa condizione chiamata COVID lungo.

Anche così, Bhatt esorta gli scienziati a mantenere una mente aperta e avverte che i ricercatori non hanno ancora inchiodato un legame tra frammenti virali persistenti e lungo COVID. "Occorrono ancora studi aggiuntivi e non sono facili", afferma. Il long COVID è spesso definito come sintomi che persistono oltre le 12 settimane dopo un'infezione acuta. Più di 200 sintomi sono stati associati al disturbo, la cui gravità varia da lieve a debilitante. Le teorie sulle sue origini variano e includono risposte immunitarie dannose, piccoli coaguli di sangue e persistenti serbatoi virali nel corpo. Molti ricercatori pensano che un mix di questi fattori contribuisca al carico globale della malattia.

Un primo indizio che il coronavirus potrebbe persistere nel corpo è arrivato nel lavoro 3 pubblicato nel 2021 dal gastroenterologo Saurabh Mehandru presso la Icahn School of Medicine del Mount Sinai a New York City e dai suoi colleghi. A quel punto, era chiaro che le cellule che rivestono l'intestino mostrano la proteina che il virus usa per entrare nelle cellule. Ciò consente a SARS-CoV-2 di infettare l'intestino.

Mehandru e il suo team hanno trovato acidi nucleici virali e proteine ​​​​nel tessuto gastrointestinale raccolti da persone a cui era stato diagnosticato il COVID-19 in media quattro mesi prima. I ricercatori hanno anche studiato le cellule B di memoria dei partecipanti, che sono attori fondamentali nel sistema immunitario. Il team ha scoperto che gli anticorpi prodotti da queste cellule B continuavano ad evolversi, suggerendo che, a sei mesi dall'infezione iniziale, le cellule rispondevano ancora alle molecole prodotte da SARS-CoV-2. Ispirati da questo lavoro, Bhatt e i suoi colleghi hanno scoperto che alcune persone hanno continuato a versare RNA virale nelle feci sette mesi dopo un'infezione iniziale da SARS-CoV-2 lieve o moderata, ben dopo la fine dei sintomi respiratori 1 .

Il virus va per l'intestino

Adolph afferma che il documento del 2021 ha ispirato il suo team a esaminare i campioni bioptici per i segni del coronavirus. Hanno scoperto che 32 dei 46 partecipanti allo studio che avevano avuto COVID-19 lieve hanno mostrato prove di molecole virali nel loro intestino sette mesi dopo l'infezione acuta. Circa due terzi di queste 32 persone presentavano sintomi da lungo tempo di COVID. Ma tutti i partecipanti a questo studio avevano una malattia infiammatoria intestinale, una malattia autoimmune e Adolph avverte che i suoi dati non stabiliscono che c'è un virus attivo in queste persone, o che il materiale virale sta causando un lungo COVID. Nel frattempo, più studi hanno suggerito serbatoi virali persistenti oltre l'intestino. Un altro team di ricercatori ha studiato i tessuti raccolti dalle autopsie di 44 persone a cui era stato diagnosticato il COVID-19 e ha trovato prove di RNA virale in molti siti, inclusi cuore, occhi e cervello 4 . L'RNA virale e le proteine ​​sono stati rilevati fino a 230 giorni dopo l'infezione. Lo studio non è stato ancora sottoposto a peer review.

Rifugi virali

Quasi tutte le persone in quel campione avevano avuto un COVID-19 grave, ma uno studio separato su due persone che avevano avuto un COVID-19 lieve seguito da lunghi sintomi di COVID ha trovato RNA virale nell'appendice e nel seno 5 . Il patologo Joe Yeong dell'Istituto di biologia molecolare e cellulare dell'Agenzia per la scienza, la tecnologia e la ricerca di Singapore, coautore del rapporto, che non è stato sottoposto a revisione paritaria, ipotizza che il virus potrebbe infiltrarsi e nascondersi nelle cellule immunitarie chiamate macrofagi, che possono essere trovate in una varietà di tessuti del corpo.

 Tutti questi studi supportano la possibilità che i serbatoi virali a lungo termine contribuiscano a un lungo COVID, ma i ricercatori dovranno fare più lavoro per mostrare in modo definitivo un collegamento, afferma Mehandru. Dovranno documentare che il coronavirus si sta evolvendo nelle persone che non sono immunocompromesse e dovranno collegare tale evoluzione a lunghi sintomi di COVID. "In questo momento ci sono prove aneddotiche, ma ci sono molte incognite", dice Mehandru

Bhatt spera che i campioni diventino disponibili per testare l'ipotesi del serbatoio virale. Il National Institute of Health degli Stati Uniti, ad esempio, sta conducendo un ampio studio chiamato RECOVER, che mira ad affrontare le cause del lungo COVID e raccoglierà biopsie dall'intestino inferiore di alcuni partecipanti. Ma Sheng dice che non ha bisogno di aspettare uno studio da un miliardo di dollari per ottenere più campioni: un'organizzazione di persone con COVID da tempo lo ha contattato e si è offerta di inviare campioni da membri che hanno avuto biopsie per vari motivi, come una diagnosi di cancro , dopo le loro infezioni. "È davvero casuale, il tessuto può provenire da ovunque", dice. "Ma non vogliono aspettare.".

 

fonte: Nature

 

Riferimenti

  1. Natarajan, A. et al. Med https://doi.org/10.1016/j.medj.2022.04.001 (2022). Articolo Google Scholar

  2. Zollner, A. et al. Gasteroenterologia https://doi.org/10.1053/j.gastro.2022.04.037 (2022). PubMed Articolo Google Scholar

  3. Gaebler, C. et al. Natura 591 , 639–644 (2021). PubMed Articolo Google Scholar

  4. Chertow, D. et al. Prestampa su Research Square https://doi.org/10.21203/rs.3.rs-1139035/v1 (2021).

  5. Goh, D. et al . Prestampa su Research Square https://doi.org/10.21203/rs.3.rs-1379777/v1 (2022).

Ultime News